Pasta fatta in casa: come si prepara? La ricetta semplicissima

La ricetta, semplicissima, di una della preparazioni simbolo della cucina italiana.

Quando si apre la porta della cucina, si viene ‘investiti’ dalla magia di certe ricette classiche che hanno sempre il loro perché e che, in una società frenetica come quella odierna, parlano di convivialità, di amore per le cose fatte con lentezza e dedizione.

In questo novero è possibile includere senza dubbio la pasta fresca preparata in casa. Qual è la ricetta? Scopriamola assieme nelle prossime righe!

Ingredienti

In queste righe, presentiamo la ricetta della pasta fresca all’uovo. Le dosi che puoi leggere qui sotto sono valide per 4 porzioni.

  • 300 grammi di farina 00
  • 3 uova

LEGGI ANCHE: Pizza fatta in casa: i segreti per un impasto soffice e gustoso

Svolgimento

La preparazione della pasta all’uovo fatta in casa inizia disponendo la farina a fontana. Non bisogna utilizzarla tutta, però: una piccola parte deve essere conservata in caso di necessità. Fatto questo,bisogna romperci dentro le uova. Aiutandosi con una forchetta, bisogna poi schiacciare il tuorlo aggiungendo, man mano, un po’ della farina circostante.

Non appena ci si accorge che il composto ha perso la sua consistenza liquida ed è diventato denso, arriva il momento di cominciare a impastare con forza sullo spianatoio. L’obiettivo è ottenere una pasta omogenea, liscia e soprattutto elastica.

Una volta raggiunto questo risultato, bisogna inserire la pasta in un sacchetto di plastica per la conservazione degli alimenti e far riposare per un’ora almeno non in frigorifero, bensì a temperatura ambiente.

Cosa si fa a questo punto? Si tira fuori la sfoglia dal sacchetto e, utilizzando il mattarello, la si stende fino a quando non si riesce a raggiungere lo spessore desiderato. Se non si ha intenzione di fare fatica con il mattarello, nessuno vieta di utilizzare una macchina sfogliatrice ad hoc.

Mentre ci si dedica a questa fase della preparazione, bisogna fare attenzione a non lasciare la pasta restante esposta all’aria. Il rischio, infatti, è che si secchi. Partendo dalla base ottenuta, ci si può poi sbizzarrire con i tagli al fine di ottenere diverse tipologie di pasta.

LEGGI ANCHE: Spaghetti ai ricci di mare, la ricetta perfetta di uno straordinario primo piano