Paura al circo: domatore attaccatto dal leone / VIDEO

Da alcuni giorni sta girando sui social media un video che documenta il momento in cui un leone attacca improvvisamente il domatore in un circo davanti a un grande pubblico di bambini e genitori.

La folla ha urlato di paura mentre Hamada Kouta era sopraffatto dall’animale che ha affondato le sue zanne nel braccio dell’uomo.

L’attacco è avvenuto durante uno spettacolo circense a Lugansk, città dell’Ucraina orientale.

L’animale alla fine ha mollato la presa, lasciato stordito il pubblico. Una madre che ha assistito alla scena insieme ai suoi due bambini ha raccontato: “Il mio cuore si è fermato quando il leone si è avventato sul domatore“.

Dopo l’attacco, Kouta ha affermato: “Ho chiamato un leone e il secondo mi è comparso alle spalle, l’ho fermato, l’ho calmato ma si è rifiutato di tornare nella sua posizione. Ho fatto un passo indietro, dietro di me c’era un sostegno, l’ho colpito e sono caduto. Il leone, quindi, si è lanciato addosso a me, mi ha morso ma, per fortuna, non sul collo. Il leone mi ha lasciato subito andare. La schiena, il braccio e la gamba erano feriti. Ora ho qualche cicatrice ed è ciò che può succedere quando si gioca con i leoni“.

Hamada Kouta and his lions

Il domatore, come si legge su Ladbible.com, lavora con dieci leoni e tutti quelli presenti in scena sono tornati nelle loro gabbie dopo l’attacco: “Li ho richiamati con calma – ha raccontato – perché c’erano bambini nel pubblico, la cosa più importante per me è vedere i bambini tra il pubblico. Certo, ero coperto di sangue ma ho chiesto a tutti di calmarsi e ho ricominciato tutto da capo, dall’inizio“.

Il domatore ha spiegato che i leoni, appena arrivati sul posto, “non hanno avuto il tempo di adattarsi, perché abbiamo subito cominciato a esibirci. Erano stressati, quindi c’è stato l’attacco: possono essere lunatici, come le persone; possono svegliarsi di cattivo umore…”.

Kouta ha aggiunto: “Ogni cicatrice è un’esperienza, mi fido dei miei predatori più delle persone… le persone sono le creature più pericolose. Puoi parlare con una persona, essere suo amico e poi voltargli le spalle e lui ti pugnalerà: i predatori sono diversi, sono seri, non imbrogliano mai”.

Quando un animale attacca un domatore – ha aggiunto l’uomo –  il 99% è colpa dell’essere umano. Comunque, sono i miei figli. Quindi, so che può succedere di tutto ma non finirà mai con la morte, perché sono i miei figli. Li conosco e mi fido di loro più di quanto mi fidi delle persone“.

I circhi itineranti sono stati recentemente banditi nella capitale dell’Ucraina, Kiev, ma Lugansk è attualmente fuori dalla giurisdizione del governo centrale.