Paura su aereo diretto a Vienna: fumo in cabina

Un volo della AUA partito da Larnaca e diretto a Vienna, in Austria, è stato dirottato su Bucarest per un atterraggio d’emergenza perché si era sprigionato del fumo a bordo.

Il volo OS 836 dell’Airbus A320 stava viaggiando da Larnaca a Vienna, quando i piloti si sono rivolti ai controllori del traffico aereo a un’altitudine di 36.000 piedi nello spazio aereo rumeno e hanno richiesto il permesso di atterrare immediatamente a Bucarest, in Romania, a causa di problemi tecnici.

Il velivolo ha, quindi, effettuato un atterraggio di emergenza nella capitale rumena. L’aereo, in questione, avrebbe riportato un problema in cabina di pilotaggio a causa di una ventola di raffreddamento difettosa che ha causato l’odore acre.

Nessuno dei membri della cabina di pilotaggio, fa sapere l’Azienda è rimasto intossicato.

Fuoco e il fumo sono tra gli incidenti più pericolosi a bordo degli aerei, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti, e sono quindi sempre trattati preventivamente dagli equipaggi come emergenza di alto livello, anche se successivamente si scopre che il problema è innocuo.

Un atterraggio immediato è la procedura standard a meno che la fonte del fumo non possa essere localizzata e arrestata immediatamente.