Polmoni dopo il Covid-19: donna riceve doppio trapianto

Una giovane donna negli Stati Uniti aveva ha riportato tanti danni da Coronavirus da aver bisogno di un intervento urgente.

polmoni

I polmoni di una donna di 20 anni, dopo il Covid-19, erano talmente compromessi da essere necessario un doppio trapianto. La paziente è stata curata al Northwestern Memorial Hospital di Chicago.

Le sue condizioni la costringevano ad assumere farmaci per sopprimere l’eccessiva risposta del suo sistema immunitario. Ha trascorso sei settimane in terapia intensiva, e le condizioni dell’apparato respiratorio erano irrimediabilmente compromesse.

«Abbiamo trovato entrambi i polmoni perforati. Un difetto che, per dare l’idea, somiglia al formaggio svizzero»: ha detto Ankit Bharat, primario di Chirurgia toracica e direttore del Northwestern Medicine Lung Transplant Program.

Cura coronavirus

LEGGI ANCHE: Covid-19 in Cina, il sindaco di Pechino: “Situazione estremamente grave”

E ancora: «Questo è stato sempre riscontrato nell’analisi post mortem di pazienti affetti dal Coronavirus». Queste lesioni danno la possibilità ai batteri di diffondersi e di provocare sepsi.
I polmoni dopo Covid-19 della donna non avevano più funzionalità. I doppio trapianto era l’unica strada percorribile, ma hanno dovuto aspettare che guarisse dal Coronavirus prima di potere intervenire. Adesso è in condizioni stabili e migliora giorno dopo giorno.

«Grazie, dottore, per non esserti arreso»: ha detto la donna all’uomo che le ha salvato la vita. Adesso la convalescenza sarà lunga, ma il primario si dice «estremamente fiducioso» e parla di una totale ripresa.

«Il Covid-19 è una malattia diversa da quella che abbiamo visto prima. Un minuto, il paziente ti sta parlando, sembra a suo agio, e il minuto successivo, i livelli di ossigeno iniziano a scendere ed è necessaria la ventilazione meccanica e intubazione»: ha detto Bharat.

«C’è ancora così tanto che non sappiamo di questa malattia. Perché alcuni casi sono peggiori degli altri? Quali opzioni di trattamento funzionano meglio? Perché alcuni pazienti progrediscono nello sviluppo di gravi lesioni polmonari e non possono essere separati dal ventilatore meccanico?»: si chiede il dottore. Tante sono le domande a cui non sappiamo dare risposta.