Cronaca Social
polpo alla palermitana

Polpo bollito alla palermitana: la ricetta facile e gustosa

Il polpo bollito è un piatto a base di pesce molto fresco e gustoso, facile da realizzare ma molto goloso. La ricetta di oggi è quella del polpo bollito alla palermitana, piatto tipico della cucina siciliana. Seguendo questa, si otterrà un piatto super morbido e buonissimo. Scopriamo quali sono gli ingredienti necessari e qual è il procedimento.

polpo alla palermitana
  • Tempo di preparazione: 10 minuti
  • Tempo di cottura: 5 minuti
  • Difficoltà: bassa

Gli ingredienti per realizzare questa ricetta sono molto semplici e si tratta di 800 g di polpo, sale q.b. e alloro q.b.; mentre la parte a cui prestare più attenzione è sicuramente il procedimento, da seguire passo passo per ottenere questo mollusco perfetto, cotto al punto giusto, morbido e saporito.

alloro

Come cuocere il polpo alla palermitana

  1. Lavare il polpo accuratamente con acqua e sale, in modo da rimuovere ogni traccia di sabbia e pulire al meglio la pelle.
  2. Scaldare l’acqua in una pentola capiente e profonda e quando raggiunge il bollore, aggiungere sale e alloro.
  3. Immergere il polpo tenendolo dalla testa e mettendo in acqua solo i tentacoli per alcuni secondi. Tirare fuori e immergere di nuovo il polpo per 3 volte. Poi immergerlo completamente: così facendo i tentacoli saranno arricciati. Facendo questo passaggio si otterrà un polpo lesso morbido.
  4. A questo punto bisogna capovolgere il polpo con la testa sul fondo della pentola. Coprire con un coperchio e proseguire la cottura.
  5. Per un polpo di circa 800 g basteranno 15 minuti per concludere la cottura.
polpo bollito

Una volta terminata la cottura, si spegne la fiamma ma si lascia il coperchio, per far raffreddare il polpo all’interno della sua acqua. Questo passo è importante per terminare la cottura e farlo diventare morbidissimo. Ora bisogna rimuoverlo dalla sua acqua e tagliarlo in pezzetti, di dimensioni variabili in base ai propri gusti. Non dimenticarti di rimuovere il becco e l’occhio.