Ponte di Genova: posata la diciannovesima e ultima campata

Il tracciato del nuovo ponte, ora completo, è lungo 1.067 metri.

Sono passati meno di due anni dal giorno del crollo del Ponte Morandi, dramma che ha causato la dipartita di 43 persone. Oggi alle 12.00 è stato compiuto un passo simbolico di grande importanza: è stata infatti posata l’ultima campata – ossia la diciannovesima – dell’infrastruttura che segna il tracciato del nuovo ponte.

La posa alla presenza del premier Conte

La posa della diciannovesima campata del nuovo Ponte Morandi è avvenuta alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e del Ministro delle Infrastrutture De Micheli. Come poco fa ricordato, con oggi il tracciato del nuovo Ponte Morandi è completo. La sua lunghezza complessiva è di 1067 metri.

Per la realizzazione del tracciato, sono state impiegate oltre 17mila tonnellate di acciaio. L’operazione avvenuta in data odierna, attesissima e ancora più pregna di significato se si considerano i tempi difficili che il Paese sta attraversando per via dell’emergenza Coronavirus, è stata salutata con il suono delle sirene del cantiere.

LEGGI ANCHE: Ponte Morandi: la situazione delle polveri sottili dopo l’abbattimento

Le parole di Giuseppe Conte

Il Premier Giuseppe Conte ha fatto un breve discorso in occasione della posa dell’ultima campata del nuovo Ponte Morandi. Il Presidente del Consiglio dei Ministri – che ieri si è recato in Lombardia per la prima volta dall’inizio dell’emergenza Coronavirus – ha sottolineato che lo Stato non ha mai abbandonato Genova.

Ha altresì ricordato le ore immediatamente successive alla tragedia del 14 agosto 2018, giorno che l’ha visto raggiungere il capoluogo ligure e affermare che Genova non sarebbe stata lasciata sola.

«Questa presenza è doverosa ma sono qui anche con grande piacere perché oggi suturiamo una ferita»: queste le parole del Presidente del Consiglio, che ha parlato di una ferita che non si potrà mai rimarginare completamente in virtù delle 43 perdite, facendo altresì riferimento al ‘modello Genova’, utilizzato da tempo dalle aziende private e basato sull’abbattimento della burocrazia. Alla vigilia della posa odierna, ossia lunedì sera, le 18 pile del ponte sono state illuminate con i colori della bandiera italiana.

LEGGI ANCHE: Ponte Morandi: diffuso video inedito del momento del crollo