Positivo al Coronavirus dopo un party: si pente pubblicamente ma muore dopo qualche giorno

È successo in California, durante una festa a Riverside.

Thomas Macias
Thomas Macias, dai profili social

È la storia di Thomas Macias, un camionista di 51 anni, risultato positivo al Coronavirus dopo un party. Ha partecipato a un barbecue insieme ad alcuni amici a Lake Elsinore. Nei pressi di Los Angeles, poco dopo la fine della festa, ha cominciato ad accusare i primi sintomi.

Il cognato ha dichiarato che durante il periodo di quarantena usciva solo quando strettamente necessario. Il Covid-19 lo spaventava, perché era affetto da diabete e obesità. All’inizio del mese scorso, quando il governatore della California, Gavin Newsom, ha allentato le misure di distanziamento sociale volte a contrastare la diffusione della pandemia, Thomas ha deciso di partecipare a una festa.

A distanza di qualche giorno, proprio uno degli amici che era presente quel giorno, lo aveva chiamato per avvisarlo che era risultato positivo al Covid-19. Era abbastanza tranquillo di non poter contagiare nessuno perché asintomatico.

L’uomo ha quindi deciso di fare subito il tampone, e il 18 giugno scorso ha scoperto di essere positivo al Coronavirus, dopo pochi giorni dal party. A differenza dell’amico, però, lui è peggiorato in poche ore ed è morto tre giorni dopo, il 21 giugno.

Messaggio Thomas Macias
Il messaggio di Thomas Macias

LEGGI ANCHE: Troppe ore sui videogiochi durante il lockdown: 24enne morto per una trombosi

Il giorno prima del decesso aveva deciso di pubblicare su Facebook un post di pentimento, un appello al rispetto delle regole disposte per impedire la diffusione dell’emergenza sanitaria. «Sono uscito un paio di settimane fa… a causa della mia stupidità ho messo a rischio mia madre, le mie sorelle e la salute della mia famiglia. È stata un’esperienza molto dolorosa. Non è uno scherzo»: ha scritto.

E ancora: «Se devi uscire, metti la mascherina e rispetta il distanziamento sociale… Spero che con l’aiuto di Dio riuscirò a sopravvivere». Thomas Macias, purtroppo, non ha vinto la battaglia contro il Coronavirus. La sua storia, però, ha fatto il giro del web ed è diventata un monito contro la superficialità di chi crede di non poter essere colpito. Il Coronavirus non fa sconti a nessuno.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Tom Hanks: “Chi non indossa la mascherina deve vergognarsi”