Precipita mentre fa parkour sul tetto: 16enne in gravissime condizioni

ambulanza

Si è trasformato in dramma il pomeriggio di tre adolescenti brianzoli che avevano deciso di fare un percorso di parkour sui tetti della zona industriale di Mariano Comense, in provincia di Como.

Uno di loro, un ragazzo di 16 anni, è precipitato da un’altezza di cinque metri ed è stato trasportato incosciente in ospedale: le sue condizioni sono gravissime ed è in pericolo di vita, trasportato dall’elicottero al Pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia.

I tre ragazzi avevano deciso di salire sui tetti di una grossa industria di mobili, la Line Gianser, per esercitarsi nel parkour, la disciplina metropolitana – nata in Francia agli inizi degli anni 90 – che consiste nell’eseguire un percorso, superando qualsiasi genere di ostacolo con la maggior efficienza, velocità e semplicità di movimento possibile, adattando il proprio corpo all’ambiente circostante, naturale o urbano, attraverso corsa, salti, equilibrio, scalate, arrampicate, ecc.

Stando a una prima ricostruzione, mentre i tre si trovavano in alto, una parte del tetto, non è ancora chiaro se un lucernario o un pannello, non fatti per sopportare il peso di una persona, ha ceduto e il sedicenne è precipitato da un’altezza di circa cinque metri, cadendo all’interno dell’azienda. Sono stati i dipendenti a chiamare i soccorsi, allertati dopo aver sentito il forte rumore della caduta.