Prete abusa di una bimba in chiesa: “Vuoi fare un gioco speciale?”

Un ex prete cattolico ha abusato di una bambina di sette anni fino a quando non ha vomitato, dopodiché le ha chiesto di ripulire.

Sabine Griego, 81 anni, ha preso preso di mira la bambina tra il 1990 e il 1991 mentre lavorava presso la Chiesa Cattolica Romana della Regina del Cielo ad Albuquerque, nel New Mexico (Stati Uniti d’America).

Presumibilmente il sacerdote ha attirato la piccola nella canonica della Chiesa dicendole che voleva fare “un gioco speciale” prima di aggredirla per la prima volta quando aveva sette anni.

La molestia ha spinto la bambina a vomitare e Sabine Griego l’ha costretta a ripulire, come si apprende dal The Sun.

La vittima ha raccontato ai poliziotti che gli abusi accadevano regolarmente: il prete la prendeva dalla classe e la portava in canonica e a volte le dava anche da bere del vino. Un giorno la bambina ha morso la mano del religioso che, come risposta, l’ha schiaffeggiata e violentata.

L’uomo è accusato di avere gettato a terra la bambina e di averle coperta la bocca con la mano in una stanza dove i preti sono soliti vestirsi prima di celebrare la messa.

Poi, in un’altra occasione, Griego ha sbattuto la faccia della vittima su un tavolo, rompendole il naso. Portata in ospedale, l’allora bambina ha raccontato alla madre di essersi fatta male durante una lezione di educazione fisica.

I poliziotti hanno rinvenuto le radiografie dall’ospedale datate novembre 1991 che dimostrano che la vittima ha davvero sofferto un trauma al naso in quell’anno. La bambina ha cominciato a soffrire di incubi e a farsi del male prima di raccontare alla sua famiglia cosa le fosse successo, ovvero all’età di 13 anni.

La vittima ha raccontato di non avere accusato prima l’ex prete perché l’aveva minacciata, dicendole che, se l’avesse detto, le avrebbe tagliato la lingua e fatto del male alla madre.

Griego è stato accusato di avere molestato più di 30 bambini durante il suo mandato all’arcidiocesi.