Processo Ruby Ter, chiesta la condanna di Berlusconi a 6 anni di carcere

Così la Procura della Repubblica di Milano

Silvio Berlusconi, presidente di Forza Italia.

Il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e il pm Luca Gaglio hanno chiesto ai giudici della settima sezione penale di Milano di condannare a 6 anni di reclusione Silvio Berlusconi per corruzione in atti giudiziari nell’ambito del processo Ruby ter. Tra gli imputati, anche la parlamentare Maria Rosaria Rossi, per la quale è stata sollecitata una pena di 1 anno e 4 mesi.

La procura di Milano ha chiesto di condannare a 5 anni di reclusione anche Karima El Mahroug, l’ex ruby ruba cuori.

“È stata una corruzione percepita in modo peculiare dalle parti coinvolte – ha spiegato il pm Gaglio alla fine della requisitoria – prendere soldi per mentire sembrava normale, ‘d’altronde è l’ex presidente del Consiglio che ce lo chiede’ è  il ragionamento che facevano queste ragazze”.

Il processo va avanti il 29 giugno con gli interventi del legale di Ambra Battilana, parte civile per un’imputazione di calunnia, e poi coi primi interventi delle difese di Losi, Rossi, Rossella, Sorcinelli. Il 13 luglio ancora difese e poi anche a settembre.

Fabrizio Cecconi, avvocato difensore di Berlusconi: “Non sono sorpreso, è da anni che la Procura di Milano continua con questa impostazione accusatoria”. Secondo il legale, “il reato non c’è” e “abbiamo argomenti solidi per arrivare a una sentenza assoluzione”.

Matteo Salvini, leader della Lega, su Facebook ha commentato: “Altro processo, altra richiesta di condanna per Berlusconi per il ‘caso Ruby’. Ma basta, non se ne può più! 12 giugno, con i SÌ ai Referendum la Giustizia cambia”.

Antonio Tajani, coordinatore di Forza Italia, ha detto: “Ancora una volta si usa la giustizia a fini politici. Da Milano arriva una assurda ed immotivata richiesta di condanna contro Berlusconi per una vicenda dalla quale è stato già assolto. Un accanimento inaccettabile contro un uomo che ha agito sempre con correttezza e trasparenza”.