Proposta UE: “Ridurre il costo delle chiamate internazionali”

Ridurre il costo delle chiamate internazionali, comprese quelle tra gli stessi Paesi membri dell’UE

È questo il nuovo obiettivo del Parlamento Europeo, dopo avere già abolito il roaming, inserito all’interno di un rapporto approvato dalla commissione Industria e ricerca.

Nello stesso rapporto si chiede anche un accesso più agevole a Internet in tutta Europa e un sistema comune di allerta.

Quest’ultimo ha il nome di Reverse 112 e consentirebbe alle autorità dei vari Stati dell’Unione Europea di allertare i cittadini in una determinata zona in caso di attacco terroristico o di castrofe naturale.

L’eurodeputato S&D Dan Nica ha spiegato che “al termine di lunghi negoziati siamo riusciti a garantire innovazione e investimenti mantenendo al contempo una concorrenza efficiente ed efficace. Va incoraggiata una connessione accessibile a tutti gli utenti finali dell’UE e vanno rimosse le barriere rimaste, se vogliamo avere un mercato competitivo. Ecco perché dobbiamo garantire che le aziende non aumentino i prezzi per le chiamate intra-UE o le chiamate internazionali“.