Puglia, gelaterie usavano ingredienti scaduti da 10 anni

Le etichette e sui cartelli dichiaravano di utilizzare latte fresco e d’alta qualità, frutta di stagione o biologica e prodotti locali dop e igp per preparare gelati e granite artigianali.

Di fatto, invece, utilizzavano frutta surgelata, alimenti di origine extra UE e comuni materie prima, in alcuni casi anche semilavorati scaduti da oltre 10 anni.

I Carabinieri Forestali del Comando Puglia di Bari e del Reparto ‘Alta Murgia’ di Altamura hanno denunciato 17 ‘artigiani’ del gelato in tutta la regione sequestrando complessivamente 2000 kg di alimenti nell’ambito dell’operazione Ice(S)cream.

Le denunce sono scattate nelle province di Bari, Lecce, Taranto e Bat (Andria e Bisceglie).

Nel Barese, in particolare, sono circa una ventina gli esercizi commerciali controllati con una decina di denunce, alcune delle quali nel capoluogo cittadino.

Interessati dai provvedimenti locali a Bari, Torre a Mare, Polignano, Molfetta, Monopoli, Ruvo, Corato e Giovinazzo ma anche una gelateria di Roma con un punto vendita in Puglia.