Qualcuno ha bruciato e ucciso mezzo milione di api

È successo ad Alvin, in Texas, negli Stati Uniti d’America.

api

In una località appena a sud di Houston, negli Stati Uniti d’America, sono stati rinvenuti dozzine di alveari bruciati e la polizia sta indagando per individuare le cause e i responsabili.

Un apicoltore, Steve Brackman, come si apprende dalla CNN, ha svelato che le perdite sono state impressionanti: “Sono state distrutte da 500mila a 600mila api“.

La strage di api è stata scoperta sabato mattina – 30 aprile – da un vice sceriffo della contea di Brazoria che ha notato diverse scatole di api in fiamme ad Alvin, in Texas. Alcune di esse erano state gettate in uno stagno vicino.

La Brazoria County Beekeepers Association possedeva le 24 colonie di api presenti sull’area.

È davvero orrendo pensare che nel mondo di oggi possa accadere una cosa simile: quanto successo va al di là della comprensione” – ha scritto l’associazione in un post di Facebook  – “l’associazione ha offerto una ricompensa che porti alla condanna e chiunque abbia informazioni può inoltrarle all’ufficio dello sceriffo“.

api

Infatti, la Brazoria County Crime Stoppers ha offerto una ricompensa fino a 5mila dollari. Inoltre, l’associazione degli apicoltori ha offerto un’altra ricompensa da mille dollari e ha chiesto delle donazioni per aiutare l’azienda colpita a riprendersi dal danno.

Brackmann ha anche sottolineato che la perdita delle api ha gravi conseguenze per l’ambiente. Le popolazioni delle api sono in declino a causa dell’uso degli insetticidi, lasciandone così poche a impollinare le colture.

Le api impollinano le culture di pomodir, zucche e angurie. Quindi, se ciò non avviene, non si ottengono verdure e non vedremo ortaggi nei supermercati“, ha spiegato.

Seguici anche su Google News: