Ragazzo risolve 3 cubi di Rubik sott’acqua e trattenendo il respiro. VIDEO

cubik

Molti di noi, almeno una vola nella vita, hanno provato a risolvere il cubo di Rubik (o cubo magico), il celebre gioco inventato dall’architetto e scultore ungherese Erno Rubik nel 1974.

Il cubo di Rubik ha sei facce con nove adesivi cadauno di un colore diverso: bianco, giallo, rosso, verde, blu e arancione. Lo scopo è far ruotare le facce in modo tale che ognuna di esse ha un solo colore.

Ora, da qualche settimana su Facebook sta girando un video in cui un ragazzo risolve ben 3 cubi di Rubik in una posizione davvero insolita: immerso in una piscina, trattenendo il respiro.

Una prova straordinaria, non c’è che dire!

Soprattutto se si pensa che un cubo di rubik ha un numero totale stratosferico di configurare: oltre 43 miliardi di miliardi di combinazioni. Niente paura, comunque. Per chi vuole provarci, nel 1982 David Singmaster e Alexander Frey ipotizzarono che il numero teorico massimo sufficiente di mosse per la risoluzione del cubo di Rubik, a partire da qualsiasi configurazione iniziale, potesse essere intorno a venti (di meno no).

Il record dei record? 4 minuti e 22 secondi nel 2018 da parte di Feliks Zedeges, neozelandese.

E voi? Ci siete mai riusciti a completare il gioco? Lasciate un commento!