Randagio sale sul bus e si comporta come un essere umano, anzi meglio

Qual è il tuo pensiero sugli animali domestici che salgono sui mezzi pubblici insieme ai loro proprietari?

Siamo certi, purtroppo, che molti non sono contenti di vedere un cane seduto accanto. Sì, è vero: gli animali possono fare rumore, non sono abituati al modo in cui gli esseri umani vanno da una parte all’altra e non possono controllare i propri processi fisiologici. D’altra parte, però, gli animali sono molto fedeli.

A tal proposito, è particolare quanto accaduto in Cile qualche tempo fa, raccontato tramite un video caricato sui social network dall’autista di un bus.

Quando un cane è salito a bordo, l’uomo non gli ha prestato molta attenzione, poiché pensava che stesse seguendo il suo amico a due zampe.

Soltanto all’ultima fermata l’autista si è reso conto che quel cane era un randagio, molto amichevole, stanco e affamato. L’animale aveva scelto un posto vicino al finestrino e, come un umano, si è goduto la vista.

chile-dog-bus

Nonostante il fatto che la giornata lavorativa fosse finita, l’autista non ha spinto il cane fuori. Gli ha dato, invece, ancora un po’ di tempo in più per riscaldarsi e rilassarsi e poi lo ha riportato nel punto in cui era salito.

Non m’importa di ciò che dicono le persone – ha raccontato l’autista – anche gli esseri umani lasciano sporco l’autobus“.

Infatti, non sono le persone che fanno i graffiti sui sedili e abbandonano qualche rifiuti? O, peggio ancora, si lasciano andare a comportamenti poco sociali. Un cane, invece, non farebbe mai nessuna di queste cose.

Al giorno d’oggi, la gentilezza è una qualità rara. Molti si considerano cortesi ma le loro azioni spesso dimostrano esattamente il contrario. In particolare, quando si tratta di animali indifesi.

Ora, i cani randagi sui bus – che tendono ad essere molto sociali perché abituati alla vista dell’uomo – possono scaldarsi, soprattutto quando la temperatura esterna è fredda a causa dell’inverno.

Un cane e un gatto che vivono al freddo al gelo, infatti, possono subire queste condizioni:

  • Si ammalano e, in alcuni casi, possono morire di ipotermia;
  • Il contatto prolungato con la neve e con il ghiaccio porta alla formazione di dolore ferite sulla pelle;
  • Hanno più bisogno di acqua e cibo per mantenere una temperatura corporea soddisfacente;
  • Rischiano la vita, nascondendosi sotto le auto. Non tutti i conducenti controllano sotto l’auto prima di lasciare un parcheggio.

Gli animali meritano un comportamento cattivo solo perché sembrano sporchi o malati? In effetti, se ci pensiamo, sono soprattutto le persone a causare il randagismo. Gli animali non sono giocattoli e neanche fantasmi da ignorare. Hanno bisogno delle nostre cure…