Rapina violenta a Roma, 34enne pestato a sangue per 50 euro

Terribile quanto accaduto a Roma.

Due pregiudicati di 21 anni, di nazionalità romena, hanno massacrato a calci e pugni un 34enne, magazziniere di nazionalità peruviana che stava tornando a casa dopo una notte di lavoro.

L’aggressione – come si apprende da IlMessaggero.it – è avvenuta intorno alle 7 di stamane (venerdì 30 marzo) alla stazione Tiburtina.

La vittima, ricoverata all’ospedale Umberto I in prognosi riservata, è stato preso a calci in testa e ha il volto completamente tumefatto. Inoltre, i medici hanno riscontrato un trauma cranico e diverse fratture alle ossa nasali e alle costole.

I romeni hanno pestato a sangue, davanti a decine di persone, il 34enne per 50 euro, un cellulare e un vecchio PC.

La Polizia ha subito intercettato i due, intrisi del sangue della vittima, che hanno provato a picchiare gli agenti.

Il giudice ha deciso che i due criminali debbano stare in carcere, a Rebibbia, in attesa del processo collegiale.

I romeni, senza fissa dimora, erano già stati segnalati per rapine e furti a passanti e ora dovranno rispondere anche di tentato omicidio.