Reddito di emergenza, la ministra: “Sarà da 400 – 800 euro”

Le parole di Nunzia Catalfo sulla nuova misura del governo per l’emergenza coronavirus.

Il reddito di emergenza sarà «una misura che possa durare qualche tempo, erogata sulla base del nucleo familiare, con una base partenza di 400 euro fino tetto massimo 800 euro» in base al numero di componenti.

Così il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, in un’intervistata a Fanpage.it su Facebook.

LEGGI ANCHE: Padova, corre senza mascherina: pestato a sangue.

Sempre in relazione a questa misura, il presidente dell’INPS, Pasquale Tridico, ha affermato: «Stiamo lavorando, intensione al governo, per proporre un reddito di emergenza» per coloro che sono stati «esclusi dalle altre misure’». La platea dei beneficiari «potrebbe essere 1 milioni di nuclei, con una media di 2,5-3 membri a nucleo» e quindi un totale di «2,5 – 3 milioni di persone interessate». La spesa sarebbe pari a circa »2 miliardi di euro», ha aggiunto Tridico che poi ha specificato, in audizione in commissione Lavoro alla Camera: «Si potrebbe intervenire, e il ministero del Lavoro ci sta pensando, derogando all’Isee» per il riconoscimento del teddito di cittadinanza in questo momento di emergenza.

Infine, si è appreso che le domande di reddito e pensione di cittadinanza possono essere presentate anche attraverso il sito internet istituzionale www.inps.it. «È un’ulteriore misura adottata dall’Istituto per venire incontro alle esigenze della cittadinanza e per meglio fronteggiare l’emergenza sanitaria Covid-19, evitando gli spostamenti delle persone», ha comunicato l’INPS in una nota.

“Finora, le domande di reddito e Pensione di cittadinanza potevano essere presentate: tramite Poste Italiane S.p.A; accedendo, tramite SPID, al sito www.redditodicittadinanza.gov.it; presso i centri di assistenza fiscale (caf); presso i patronati. Come per tutte le richieste di prestazione, reddito e e Pensione di cittadinanza possono essere richiesti all’Istituto con PIN dispositivo, SPID, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di Identità Elettronica. Il servizio è raggiungibile nella sezione REDDITO di cittadinanza/pensione di cittadinanza del sito www.inps.it. Si ricorda che, per la valida presentazione della domanda, il richiedente la prestazione dovrà essere in possesso di una attestazione ISEE valida o comunque dovrà aver presentato la dichiarazione sostitutiva unica al momento della presentazione della domanda».

LEGGI ANCHE: Covid-19, forse trovata una cura in Svizzera?