Ricavi Sanremo 2020, quanto ha guadagnato la Rai con il festival della canzone italiana?

Un festival che ha messo d’accordo tutti e mai annoiato nonostante la semplicità. Ma quanto ha fruttato a “Mamma Rai”?

Il padrone di casa Amadeus, rispetto agli ascolti di Sanremo 2020 e del successo riscontrato, a caldo ha affermato: «Sono l’uomo più felice del mondo. Perché ho realizzato un sogno: questo festival è quello che avevo in mente fin da agosto quando mi è stato chiesto di presentarlo».

Un’edizione importante, quella numero 70. Un’edizione che doveva essere diversa, d’impatto e stupire. L’obiettivo è stato raggiunto, ma riportando in auge qualcosa di difficile da trovare oggi come oggi: la semplicità.

Amadeus, presentatore e direttore artistico di Sanremo 2020

LEGGI ANCHE: Fiorello, intrusione ai Soliti ignoti: “Amadeus, in tv insieme mai più”

«La Rai mi ha dato totale fiducia e io credo di averla ripagata»: il presentatore lo afferma commuovendosi e facendo un bilancio del suo Sanremo, che ha avuto il merito di avere raggiunto un nuovo record di ascolti durante l’ultima puntata, quella che ha proclamato il vincitore dei big – Diodato – con uno share che ha sfiorato il 61%. La formula fino a notte inoltrata ha premiato.

Amadeus, presentatore e direttore artistico, ha dimostrato di essere un fuoriclasse pur mantenendo l’umiltà e la pacatezza che lo contraddistinguono. È stato un performer d’eccezione e un perfetto padrone di casa. Genuino e spontaneo.

E genuino e spontaneo è stato anche Fiorello che ha fatto da spalla in nome della amicizia di lunga data che li lega. Amadeus vuole restare un mediano, una persona della porta accanto, senza tradire la propria natura.

Persino i colpi di scena – uno tra tutti la lite tra Morgan e Bugo che ha interrotto l’esibizione e ha decretato l’eliminazione da regolamento – sono passati in secondo piano rispetto agli ascolti di Sanremo 2020, oscurati da tutte le note positive (musicali e non).

amadeus dice la sua su morgan e bugo
Amadeus e Fiorello durante l’interruzione dell’esibizione di Morgan e Bugo

LEGGI ANCHE: Sanremo 2020, la classifica dei video musicali più visti su Youtube

«Mi fa piacere diventare un simbolo di positività. E io lo sono nella vita: quando si spengono le telecamere torno a essere una persona comune e vivere semplicemente», ha aggiunto Amadeus. Un piccolo appunto però bisogna farlo: l’assenza delle donne durante la finale e sul podio. Nonostante fosse stato un festival al femminile durante le puntate precedenti.

Adesso si parla già della possibilità di bissare l’anno prossimo, della serie: squadra che vince non si cambia. Stefano Coletta, direttore di Rai Uno ha detto: «Si vedrà, per farlo ci vuole un nuovo progetto». Forse con Fiorello che ha parlato di un’eventuale Sanremo 71, rimangiandoselo durante un’irruzione ai Soliti Ignoti ieri sera.

«La sua era solo una battuta. Lui si è dimostrato un grandissimo amico, ma resta un battitore libero»: ha dichiarato Amadeus. Entrambi però hanno ricevuto i complimenti di chi li ha scoperti agli arbori della carriera, Claudio Cecchetto: «Sono felice per i miei ragazzi di Radio Deejay, non avevo dubbi sulle loro potenzialità. Ne abbiamo fatte di cose belle con loro».

A funzionare non è stata solo la coppia Amadeus-Fiorello. Un altro dato importante è quello relativo ad ascolti e introiti, da record. 37 milioni incassati in pubblicità (5,5 in più rispetto alla scorsa edizione) a fronte di una spesa totale di circa 17 milioni di euro. Si parla quindi di 20 milioni di euro di profitto netto.

Secondo il responsabile di Rai Pubblicità, Antonio Marano, infatti i maggiori incassi sono dovuti anche: «All’allargamento del perimetro del festival, all’integrazione tra tv, iniziative sul territorio (Sanremo in città), e delle piattaforme digitali».

Molto è dipeso dagli sponsor (Tim in primis) e dalla pubblicità tradizionale. Gli ascolti, invece, secondo la media complessiva delle cinque serate, hanno raggiunto quasi il 55%. Bisogna tornare indietro di più di vent’anni per registrare simili risultati (era il 1999).

La polemica o la nota stonata non può mancare. E arriva dalla ex direttrice Teresa De Santis, proprio da chi ha voluto Ameudus conduttore, che sta pensando di fare causa alla Rai per la rimozione a poche settimane dalla partenza di Sanremo 2020.