Ricciardi sul Coronavirus: “Non resiste al caldo, con 24 gradi e al sole scompare in 2 minuti”

Sul fatto che il caldo possa rendere la vita difficile al Covid-19 se n’è parlato tanto: ecco altre dichiarazioni.

Con l’estate alle porte e dopo due mesi di quarantena, una domanda si fa sempre più insistente: il caldo può uccidere il Coronavirus? A rispondere ci pensa anche Walter Ricciardi, che riprende lo studio americano sugli effetti delle alte temperature, del sole e dell’umidità.

Coronavirus e luce solare
Gli effetti di sole, caldo e umidità sul Coronavirus

LEGGI ANCHE: Gli effetti della luce solare sul Coronavirus: cosa dice uno studio

«Uno studio presentato il 24 aprile dal sottosegretario alla sicurezza interna Usa alla Casa Bianca mostrerebbe che il virus soffre il caldo umido. Al chiuso, con 24° e 20% di umidità può resistere su una superficie per 18 ore, con 35° e un tasso di umidità dell’80% la sua permanenza non supera l’ora»: ha spiegato l’ex presidente dell’ISS.

«Se poi si è al sole bastano 24° e lo stesso livello di umidità perché scompaia in due minuti»: ha aggiunto. Questo però non significa che si può abbassare la guardia. «Il virus circolerà lo stesso e dovremo continuare a rispettare le regole igieniche e sul distanziamento. Però potremmo conviverci meglio»: ha spiegato Walter Ricciardi. Non manca la critica alla gestione della sanità pubblica, però.

Roberto Speranza
Roberto Speranza, Ministro della Salute

LEGGI ANCHE: Come si andrà al mare quest’estate? Ombrelloni a 3 metri l’uno dall’altro

«L’Italia, e devo dire anche il Piemonte, pagano anni di disinvestimenti in sanità, in particolare dei servizi territoriali. Il ministro Speranza ha pronto un piano di rafforzamento del territorio. Ma dovremo fare tesoro di questa esperienza per rifondare il nostro Ssn, a cominciare dai medici di famiglia e dai servizi territoriali che devono lavorare in raccordo con gli ospedali».

Una precisazione è d’obbligo, però: non bisogna trascurare l’igiene personale e credere che il distanziamento interpersonale non sia più necessario. Gli assembramenti sono ancora pericolosi e non si può rischiare che accada anche da noi quello che è successo in Germania.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, secondo gli scienziati tornerà ogni anno.