Rimini: donna incinta rapinata, picchiata e insultata perché nera

Prima l’hanno derubata, poi picchiata e insultata per il colore della pelle. E’ accaduto a Rimini, su un autobus urbano. La vittima è una ragazza nera al sesto mese di gravidanza. Gli aguzzini sono due italiani: una diciannovenne di Ancona e un ventiduenne di Caserta. I due giovani sono stati arrestati per rapina.

Secondo la testimonianza della vittima e di alcuni passeggeri dell’autobus, la ferocia dei ragazzi sarebbe scattata quando la donna incinta si è accorta che le stavano rubando cellulare e portafogli dalla borsa.

A qual punto la vittima ha chiesto aiuto, mentre i due malviventi hanno iniziato a prenderla a calci e a pugni noncuranti del suo stato e ad insultarla con le frasi “Negri di m.. tornate al vostro paese” e “Ti faccio abortire negra di m…“.

Non appena il conducente ha fermato il mezzo per chiamare le forze dell’ordine, la coppia ha spintonato la donna giù dall’autobus.

Gli agenti arrivati sul posto hanno recuperato la refurtiva e arrestato i due giovani.

La donna, invece, è stata portata in ospedale per un malore.