Risparmiare senza stressarsi, ecco il metodo di un neuroscienziato

Noi moderni siamo stressati, inutile negarlo. Tutti attraversiamo almeno una volta nella vita una fase in cui ci sentiamo particolarmente esausti e nervosi.

Colpa dei tempi accelerati, ma non solo. A causarci stress sarebbero anche le scelte che facciamo. O meglio, la mole di decisioni che siamo costretti, volenti o nolenti, a prendere. A dirlo è Moran Cerf, neuroscienziato che insegna marketing alla Northwestern University (Illinois, Usa).

Secondo Cerf è mentalmente estenuante fare delle scelte, sia quelle importanti come un viaggio o un lavoro che quelle meno rilevanti come cosa indossare o quale musica ascoltare in macchina.

Se poi si parla di soldi, la tensione arriva ad alti livelli perché dobbiamo destreggiarsi fra diverse scelte e siamo costretti a gestire differenti scadenze: l’accredito dello stipendio a fine mese, il pagamento delle bollette ogni due mesi, la spesa una volta a settimana.

E Moran Cerf ha la soluzione per ridurre l’ansia e, allo stesso tempo, avere un maggiore controllo sulle proprie finanze.

Il neuroscienziato suggerisce di regolare il budget su una sola unità di misura, ovvero di stabilire una somma da spendere (senza superarla), ad esempio, in un mese. Cerf assicura i risultati in termini di calo di stress.

E se proprio avete voglia di strafare, potete affiancare al metodo del neuroscienziato, la regola del 50-20-30 suggerita dalla rivista americana ‘Forbes’ e che prevede che il 50% del budget sia destinato alle spese essenziali (mutuo, bollette, affitto, cibo), il 20% a risparmi ed investimenti mentre il restante 30% alle spese extra.

Buona fortuna.