Robert De Niro: il Coronavirus l’ha ridotto sul lastrico

L’attore è in serie difficoltà economiche.

Robert De Niro

Robert De Niro non è solo uno dei simboli viventi di Hollywood, ma anche un imprenditore che, nel corso degli anni, ha sviluppato interessi in diversi settori. Con lo scoppio dell’emergenza sanitaria, i suoi affari hanno subito un contraccolpo non indifferente. Ad ammetterlo è stato l’attore stesso, in occasione di una richiesta di aumento degli alimenti da parte dell’ex moglie Grace Hightower.

L’attore di tanti film entrati nella storia si trova in serie difficoltà economiche: l’emergenza sanitaria, infatti, ha colpito duramente soprattutto un settore del suo business, ossia quello legato alla ristorazione e alla ricettività alberghiera.

Stiamo parlando, nello specifico, della catena di ristoranti Nobu e del Greenwich Hotel di Manhattan. Dall’inizio dell’emergenza, Bob De Niro ha perso oltre 5 milioni di dollari di entrate per via della contrazione degli affari legati a questi due business.

LEGGI ANCHE: Bill Gates finanzia il progetto di un ex operaio brianzolo

Perché De Niro è stato portato in tribunale dalla ex

Come mai il protagonista di pellicole entrate nella storia come Toro Scatenato Taxy Driver è stato portato in tribunale dall’ex moglie? Grace Hightower, che è stata sposata con De Niro per 11 anni e che gli ha dato una figlia, ha trascinato l’attore davanti al giudice per via del dimezzamento del massimale della sua carta di credito, passato da 100mila a 50mila dollari.

Come rivelato dalla legale dell’attore americano, questa decisione è stata presa proprio in virtù delle difficoltà finanziarie profonde che l’attore sta sperimentando a causa dell’emergenza sanitaria in corso.

LEGGI ANCHE: Isolato il ceppo serbo del Coronavirus: “Mutazione aggressiva”