Roberto Benigni e Nicoletta Braschi, “La prima volta che ti ho incontrato”

Ecco come la celebre coppia si è conosciuta per la prima volta.

Non è semplice essere una coppia normale nella vita. Figuriamoci se si è una coppia di attori, entrambi conosciuti. E con l’uomo che ha il ruolo di genio matto e la donna che deve apparire quella razionale e che fa contenitore del marito all’interno dei campi della logica.

Da questo punto di vista una delle coppie migliori del mondo dello spettacolo resta quella tra Roberto Benigni e Nicoletta Braschi. Una coppia che ormai regge da quasi quarant’anni e che appare agli occhi di chiunque come quella degli innamorati per eccellenza.

LEGGI ANCHE: Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser verso il matrimonio?

E il fatto che lui sia superinnamorato di lei lo si capisce dai film che ha fatto. Non c’è film ideato e creato da Benigni dove non ci sia Nicoletta. Vengono in testa Jhonny Stecchino, Il Mostro, La tigre e la neve e il mitico La vita è bella. È sempre Nicoletta la protagonista e i bene informati dicono che sia la sua totale musa ispiratrice quando scrive. Difficile trovare una persona. O, meglio, giusto sostenerlo, due persone più innamorate di così. Coerenti e stabili. Magari litigheranno. Ma non ce lo danno a vedere.

Di quando si sono conosciuti Nicoletta ricorda: «Nell’80, un paio di mesi dopo il mio trasferimento a Roma, conobbi Roberto Benigni. Aveva 28 anni ed era già amatissimo da tutti. Ci presentarono amici comuni e fin dai primi giorni cominciò un lavorio ininterrotto di costruzione, un’intesa che sarebbe sfociata nel nostro lavoro in comune. Roberto era ed è un grande maestro. Da allora ci siamo nutriti delle stesse cose. Veniva a prendermi all’Accademia e andavamo al cinema quasi tutti i giorni; quando si riusciva anche a teatro. Ci passavamo i libri. Leggemmo tutti quelli che Borges sceglieva per la collana di FMR, se la ricorda: La biblioteca di Babele? Adoravamo Isaac Bashevis Singer».

LEGGI ANCHE: Brasiliano adotta 42 bambini disabili.

I due poi si sposarono nel 1991. Non hanno deciso di avere figli anche se hanno un blocco di fan fedelissimi e che li ama, come se fossero i loro genitori.

Intanto, in questi giorni tutti noi stiamo vivendo una invasione ‘benignesca’ in vari media. Al cinema Roberto è protagonista del Pinocchio di Matteo Garrone. E per promozione in questi giorni è stato a Danza con me, il programma televisivo di Roberto Bolle. E ancora, Roberto è previsto tra gli ospiti del Festival di Sanremo condotto da Amadeus. Insomma, il tempo passa e il mito di Benigni non è mai fuori moda. Se poi c’è Nicoletta al suo fianco, è tutto un po’ più bello.

LEGGI ANCHE: Perché non digerisco la carne?