Roberto Burioni si è vaccinato: “Vittoria della scienza da non sprecare”

Le parole del professore di virologia all’Università San Raffaele di Milano

Roberto Burioni, professore di virologia all’Università San Raffaele di Milano, si è vaccinato contro il Covid-19 e a SkyTg24 ha lasciato subito dopo una dichiarazione.

L’esperto ha detto: «Il vaccino è una semplice iniezione nel braccio, ma in realtà è qualcosa di molto di più: è il miracolo della scienza che in 11 mesi è riuscita a fare un vaccino. È un miracolo che per un virus scoperto il 10 gennaio 2020, io il 7 gennaio 2021 mi sia potuto vaccinare con un vaccino sicuro ed efficace».

«È un giorno che io sicuramente ricorderò per sempre, da virologo, da medico e da cittadino», ha aggiunto.

«È una vittoria della scienza da non sprecare – ha detto Burioni – Bisogna fare presto a vaccinare. I numeri delle vaccinazioni in Italia stanno migliorando, dobbiamo essere pronti a vaccinare di più, ci vogliono medici, infermieri e tanti punti dove si possa somministrare il vaccino. Bisogna coinvolgere i medici di famiglia, bisogna coinvolgere tutti».

«Questa è una emergenza – ha sottolineato il virologo – e bisogna sfruttare davvero tutte le possibilità per vaccinare». Si tratta di «un vaccino che non è particolarmente difficile da somministrare e ora con Moderna non ci saranno neanche particolari esigenze di refrigerazione. Non solo si può, ma si deve aprire alla vaccinazione di massa. Coprire i sanitari è solo la parte iniziale d’emergenza, ma si deve coprire tutti e in fretta. Perché questa potrebbe essere l’uscita da questo incubo, per tornare finalmente a vivere come una volta».

LEGGI ANCHE: Covid-19, le misure in vigore dal 7 all’11 gennaio.