Roma, baby-gang in azione a Villa Borghese. Sei arresti

Pomeriggio di terrore ieri per una comitiva di ragazzi, perlopiù minorenni, che si era incontrata alla terrazza del Pincio di Villa Borghese, a Roma.

Il gruppo, secondo quanto riporta l’Ansa, è finito nel mirino di una baby gang di una ventina di coetanei, di origini nordafricane, che hanno prima derubato un ragazzo di 14 anni di una cassa acustica bluetooth prendendolo a schiaffi, poi, hanno intimato a una sua amica 13enne di avere con alcuni di loro un rapporto sessuale in cambio della restituzione della cassa.

Al rifiuto della ragazzina è nato un parapiglia in cui l’hanno anche strattonata violentemente, mentre i suoi amici cercavano di ‘liberarla’. La baby gang ha anche lanciato sassi e bottiglie di vetro verso i giovani, generando un fuggi fuggi generale. A intervenire numerose ‘gazzelle’.

I carabinieri hanno bloccato 6 ragazzi. Si tratta di 4 minorenni, un 18enne e un 19enne tutti di origini marocchine; sono stati arrestati per rapina in concorso, tentata violenza sessuale, tentata estorsione e porto di oggetti atti ad offendere.

Appena lo scorso agosto, sempre nella Capitale, un altro caso di violenza ad opera di una baby gang. Atti di bullismo nei confronti di un 14enne che ha poi raccontato i soprusi ai genitori. L’hanno accerchiato, preso a schiaffi e pugni, tagliato con il vetro di una bottiglia rotta. Poi gli hanno puntato un coltello alla gola e l’hanno rapinato di portafogli, telefono e catenina. A denunciare l’aggressione sono stati i genitori dell’adolescente, che si sono presentati al commissariato Romanina.