Ronaldinho parla del suo ex compagno Lionel Messi: “Con la palla ci capivamo perfettamente”

Il fuoriclasse brasiliano rivela alcuni retroscena sul rapporto con il pallone d’oro Lionel Messi

Il fuoriclasse brasiliano che tutti gli amanti del calcio ricordano con particolare ammirazione per via delle sue incredibili giocate all’interno dei campi di calcio ha rivelato alcuni retroscena sul suo rapporto con Lionel Messi.

I due fenomeni sono stati compagni nel Barcellona dal 2003 al 2008. Insieme hanno vinto numerosi trofei, tra cui due Liga e una Champions League.

Ronaldinho e Messi al Barcellona
Ronaldinho e Messi con la maglia del Barcellona

Il 39enne brasiliano, che ha lasciato il calcio nel 2015, ha rivelato:

“Mi ricordo che quando arrivai al Barça già si parlava di un ragazzino che si distingueva da tutti gli altri. Poi abbiamo iniziato a giocare insieme e siamo diventati amici. E’ bellissimo vedere i primi passi di qualcuno che poi conquisterà il mondo. Insieme abbiamo imparato molte cose, lui mi ha insegnato lo spagnolo ed io il portoghese. Lionel è molto calmo, non si mette mai nei guai: sta sempre con la sua famiglia e le persone più strette. Se potessi dargli una mia qualità? Non ne ha bisogno, ha già tutto”

Bellissime parole quelle del campione brasiliano rimasto nel cuore di tutti gli amanti del calcio, non solo del Milan. A proposito della squadra rossonera ha dichiarato: “Era una squadra meravigliosa. Avevamo Kaka, Pirlo, Beckham, Seedorf, Ibrahimovic, Thiago Silva, Gattuso, Maldini: sembrava una selezione dei migliori al mondo”.

Sono in tanti adesso a rimpiangere il fuoriclasse brasiliano, soprattutto i tifosi milanisti che lo ricordano con tanto affetto. Era facile innamorarsi da questo fuoriclasse dai denti sporgenti che con i suoi tocchi riusciva ad incantare San Siro. Noi scommettiamo che l’attuale allenatore del Milan, Rino Gattuso, se potesse lo inserirebbe subito nell’attuale rosa rossonera in previsione dell’intenso periodo ricco di gare (3 partite in 8 giorni) che attende la squadra rossonera nella seconda metà di Gennaio.

LEGGI ANCHE: Nicolò Zaniolo, intervento riuscito: “Non vedo l’ora di tornare”