Royal Baby: è nato? Ecco quello che sappiamo fino a ora

I Duchi non hanno fatto sapere ancora nulla, ma alcuni indizi lasciano pensare che…

È nato? Non è nato? Questo è il dilemma che rende insonni le notti dei sudditi inglesi. Meghan Markle ed Harry non lasciano trapelare nulla in merito al royal baby e il mondo itero brancola nel buio.

Così ci si consola facendo ipotesi. La prima: sarà una femminuccia. A confermare la teoria ci sarebbe l’avvistamento intorno a Windsor di una scia di auto di scorta piene di coperte rosa. E non solo. Un testimone avrebbe raccontato al ‘The Sun’ di aver visto la Bentley reale piena di giocattoli femminili dirigersi verso Frogmore Cottage dove si trovano i duchi di Sussex in attesa della nascita del primogenito.

Intanto diversi tabloid inglesi riportano la notizia che la Markle potrebbe optare per il taglio cesareo. Ad affermarlo è stata la dottoressa Cooper che ha spiegato che nel caso di parto in una donna over 35 (Meghan ha 37 anni) solitamente i medici consigliano il cesareo se vengono superate le 40 settimane di gestazione (che secondo i ben informati sarebbero terminate il 28 aprile scorso). Il motivo è che dopo questo termine la placenta potrebbe non funzionare più bene e aumenterebbero i rischi per il bambino. Se così fosse, dovrebbe rinunciare a partorire in casa (come pare, invece, aver deciso la Duchessa).

Immancabile anche il toto nomi. Accanto ai gettonatissimi Victoria e Diana ci sarebbe anche un nome italiano, Allegra (che secondo alcune indiscrezioni sarebbe quello che Lady Diana avrebbe voluto dare ad una eventuale figlia femmina). Infine c’è qualcuno che azzarda anche nomi africani (non è un mistero l’amore che i Duchi hanno per l’Africa).

Di certo al momento c’è soltanto il fatto che Harry ha annullato il suo viaggio in Olanda previsto per il prossimo 8 maggio. Quindi, se il royal baby non è ancora nato, siamo sicuri che almeno non vedrà la luce dopo quella data.

Leggi anche: Come fa Meghan Markle ad avere la pelle così brillante?

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis: