Ruba e brucia una bandiera LGBT: condannato a 16 anni di reclusione

È successo in Iowa, Stati Uniti d’America.

Un uomo in Iowa, Stati Uniti d’America, è stato condannato a 16 anni di reclusione per aver dato alle fiamme una bandiera arcobaleno simbolo della comunità Lgbt.

Adolfo Martinez, 30 anni, è stato condannato per aver commesso un crimine d’odio. Lo riporta il Des Moines Register. La bandiera incendiata il mese scorso sventolava fuori da una chiesa.

L’uomo, originario di Ames, città di 50mila abitanti, è stato dichiarato non solo colpevole di un crimine d’odio – un crimine di classe ‘D’ – ma anche di molestie di terzo grado e un uso sconsiderato del fuoco.

LEGGI ANCHE: Trova portafoglio con mille euro e lo restituisce al proprietario.

Adolfo Martinez

La polizia ha spiegato che Martinez ha rubato la bandiera arcobaleno dall’Ames United Church of Christ e l’ha bruciata l’11 giugno scorso.

Martinez ha ammesso di avere dato alle fiamme la bandiera con un liquido infiammabile ‘leggero’ e un accendino dopo averlo rubato dalla chiesa.

LEGGI ANCHE: L’omino di pan di zenzero sotto accusa dall’ideologia gender.