Rugani positivo al Coronavirus, la fidanzata: “Con l’amore ne usciremo più forti”

Michela Persico è una giornalista sportiva e conduttrice televisiva.

Daniele Rugani
Daniele Rugani

Daniele Rugani è positivo al Coronavirus: il primo calciatore di Serie A. Dopo il post su Instagram per tranquillizzare i tifosi, parla la fidanzata: «Quando mi ha telefonato ero sola in casa, mi sono spaventata tantissimo, è stato lui a dover rassicurare me». Michela Persico, 29 anni il 26 marzo prossimo, è vicino al difensore della Juventus da quattro anni. Anche lei adesso è in isolamento, spera di stare bene e di non dover fare il tampone.

View this post on Instagram

#iostoacasa 🏡🐶🐱

A post shared by Michela Persico (@michelapersico) on

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Daniele Rugani positivo: primo calciatore di Serie A

Sullo stato di salute di Daniele Rugani positivo al Coronavirus ha detto: «Sta bene ed è senza sintomi. Aveva 37,5. Ha chiesto di farsi controllare e, il giorno dopo, il test è risultato positivo, ma lui già non aveva più la febbre, né ha o ha avuto tosse o altro. Perciò non ce lo aspettavamo».

E poi: «Questo ci tranquillizza in parte, perché il suo caso, se mai ce ne fosse stato bisogno, dimostra che si può essere giovani, forti, ci si può sentire bene e avere il Covid-19. Molte persone, magari sono positive, ma non lo sanno e alimentano il contagio. Perciò è importante stare a casa e rispettare tutte le regole».

Daniele Rugani e Michela Persico
Daniele Rugani e Michela Persico

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Barbara D’Urso piange in diretta: una poesia la commuove (IL TESTO)

Michela Persico è un po’ provata e lontana dal suo amore: «Ha deciso, con grande senso di responsabilità, di restare in isolamento per tutelare me, la squadra e le persone con le quali sarebbe potuto venire in contatto. Anche altri suoi colleghi, senza sintomi e che non hanno fatto il tampone, hanno scelto di stare alla Continassa, per evitare i contatti con le famiglie».

La fidanzata di Daniele Rugani però si dice ottimista: «Mi conforta vedere che in Cina ne sono quasi fuori e che, come loro, anche noi ce la possiamo fare». La preoccupazione è doppia: originaria di Alzano Lombardo, che sta pagando il tributo peggiore al Covid-19, teme per la sua famiglia, che comunque sta bene.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la rabbia degli operai: “Non siamo carne da macello”.