Sabrina Ferilli: “Non esiste un caso Bibbiano ma un caso Foti”

L’attrice romana ha detto la sua sulla vicenda che ha visto coinvolto il Comune emiliano.

Sabrina-Ferilli

Sul caso Bibbiano è intervenuta anche Sabrina Ferilli. Dalle colonne de ‘Il Fatto Quotidiano’, l’attrice romana ha condiviso il suo pensiero con gli Italiani come stanno facendo tanti vip, ma al contrario di questi ultimi ha dato ai lettori del quotidiano non una valanga di accuse, bensì una analisi su cui vale la pena riflettere perché sposta il punto di osservazione.

Il nocciolo della questione per la Ferilli, infatti, è che l’attenzione soprattutto mediatica si è focalizzata su un paese e non sulle singole responsabilità.

Leggi anche: Selvaggia Lucarelli su Bibbiano: “Caso di strumentalizzazione politica“.

Io non credo – ha dichiarato – che esista un caso Bibbiano. A Bibbiano bisogna capire chi ha sbagliato e in che termini, ma quello che è accaduto lì è quello che probabilmente è accaduto nella Bassa modenese e in tanti altri centri e tribunali d’Italia. Il problema non è il luogo, ma la metodologia utilizzata da questi psicologi per interrogare i bambini sui presunti abusi. Claudio Foti e i tanti psicologi che seguivano la sua impostazione partivano dal presupposto che tutti i bambini dicessero sempre la verità, questo è il primo problema“.

Per l’attrice, infatti, è rischioso dare sempre per certo che “un bambino di tre anni sia più credibile di un adulto perché lui è puro”, che “dietro alla denuncia di un bambino ci sia sempre una verità assoluta“.

Infine la Ferilli ha detto la sua anche sull’aspetto politico dell’intera vicenda, del coinvolgimento del sindaco Andrea Carletti.

Al massimo – ha detto – ha commesso degli illeciti amministrativi, ma ha concesso una stanza ad associazioni che si sarebbero dovute occupare della tutela dei minori. Non si può farlo passare per un mostro. L’Emilia è all’avanguardia su tante cose, la sinistra è ed è stata al centro di battaglie fondamentali per i diritti dell’infanzia, se ci dimentichiamo pure questo, ci resta solo il Papeete”.

Leggi anche: Manuela di Bim Bum Bam: ecco cosa fa oggi.