Salvini: cosa sappiamo della donna che lo ha strattonato

Congolese, 30 anni, rischia una denuncia per violenza privata.

Ha fatto il giro del web l’episodio dell’aggressione a Matteo Salvini da parte di una donna che, avvicinandosi al leader della Lega impegnato in un tour elettorale a Pontassieve, lo ha strattonato, strappandogli un lembo di camicia e la catenina con il crocefisso al grido di “Io ti maledico”.

Cosa sappiamo di lei? Le prime notizie in merito hanno iniziato a girare a seguito dell’identificazione da parte delle Forze dell’Ordine.

LEGGI ANCHE: Matteo Salvini: “Vogliono arrestarmi? Li aspetto”

Aggressione a Salvini: chi è la donna che l’ha perpetrata?

Secondo quanto specificato da Italpress, la donna che ha aggredito Matteo Salvini è una ragazza di 30 anni originaria del Congo. A.F.B., che è stata descritta come in evidente stato di alterazione psicofisica, è laureata e risulta incensurata. Attiva in progetti che si occupano di solidarietà verso l’Africa, ora rischia una denuncia per violenza privata e resistenza a pubblico ufficiale.

Matteo Salvini, commentando il fatto, ha affermato che sarebbe molto grave se la giovane lavorasse in enti pubblici. Il leader del Carroccio ha affermato di provare per lei “pena e tristezza”. Tornando alla definizione dei reati, ricordiamo che gli inquirenti sono al lavoro sui filmati del momento in cui la giovane, presente tra il pubblico che accoglieva Salvini, si è scagliata contro di lui.

VIDEO:

LEGGI ANCHE: Matteo Salvini aggredito da una donna: “Ti maledico” (VIDEO)