Salvini può indossare la divisa? Arriva la risposta del ministro Lamorgese

L’interrogazione era stata presentata da Stefano Ceccanti del Partito Democratico.

Il Partito Democratico ha interrogato il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese sulla questione delle divise indossate dal predecessore Matteo Salvini.

Ebbene, Lamorgese ha risposto così: “L’illecito si configura solo laddove si vesta l’intera divisa di ordinanza al fine di indurre l’opinione pubblica ad una errata identificazione della persona che la indossa“.

Relativamente alle visite effettuate dal senatore Salvini presso gli istituti penitenziari di Spoleto e San Gimignano, nessun aspetto di criticità è stato segnalato dalle direzioni degli istituti interessati“, ha aggiunto.

L’interrogazione era stata presentata da Stefano Ceccanti per sapere se il ministero intendeva presentare iniziative, anche normative, in merito all’improprio uso da parte di terzi di divise e simboli appartenenti alle forze dell’ordine, anche in considerazione dei recenti episodi negli istituti penitenziari di Spoleto e San Gimignano.

Perché “è inaccettabile – ha sottolineato l’esponente del Pd Ceccanti – l’uso a fini di parte di simboli che appartengono a tutti, e nell’interrogazione facciamo riferimento solo agli ultimi episodi che riguardano l’ex ministro dell’Interno Salvini che usa queste tecniche molto propagandistiche annettendo a sé e alla propria forza politica l’immagine di forze di polizia“.

Ceccanti ha anche chiesto se il ministero avesse intenzione di avviare una indagine amministrativa anche sulle modalità mediatiche delle visite del senatore Matteo Salvini nelle due carceri.

Ebbene, come riportato poco su, secondo il ministro “l’ordinamento prevede norme che disciplinano l’uso della divisa, in particolare l’articolo 498 del codice penale prevede il reato, ora depenalizzato, di uso abusivo della divisa in pubblico e prevede una sanzione amministrativa pecuniaria ma tale illecito di configura solo laddove si vesta l’intera divisa di ordinanza al fine di indurre l’opinione pubblica ad una errata identificazione della persona che la indossa. Con questa disposizione in effetti il legislatore ha tutelato la pubblica fede sanzionando comportamenti che possono suscitare false apparenze e indurre in errore i terzi sulla reale qualifica del soggetto“.

Leggi anche: Salvini dopo il malore: “Il fegato si è ingrossato dopo Renzi a Porta a Porta”.

Da SaluteLab: Se hai questo quattro segni potresti avere una carenza di potassio.