Sandra Milo: lo sciopero della fame per i lavoratori dello spettacolo

All’attrice è stato chiesto di non proseguire da Giuseppe Conte stesso.

Il Coronavirus e l’emergenza sanitaria ad esso legata hanno messo alcune categorie di lavoratori in particolare difficoltà. In questo novero è il caso di citare i professionisti che lavorano nel mondo dello spettacolo. Sono diverse le personalità che si sono espresse in merito. Tra queste c’è la musa di Fellini Sandra Milo, che ha deciso di fare uno sciopero della fame.

La scelta di Sandra Milo

Sandra Milo, che ha iniziato lo sciopero della fame da circa una settimana, cinque giorni fa ha affermato di essere stata chiamata da Giuseppe Conte. Sul suo profilo Instagram, ha pubblicato un video in cui specifica di essere stata chiamata dal Presidente del Consiglio dei Ministri che, a suo dire, le ha chiesto un favore.

View this post on Instagram

Un giorno da ricordare

A post shared by Sandra Milo (@sandramiloreal) on

LEGGI ANCHE: Nati gemelli durante la pandemia: sono stati chiamati Corona e Covid

“Io gliel’ho fatto e ora aspetto che ne faccia lui uno a me e sono certa che, da uomo d’onore qual è, me lo farà”: queste le parole della celebre attrice che, nel corso di un’intervista a Barbara D’Urso, ha sottolineato che la telefonata di Conte riguardava proprio la sua scelta di digiunare (decisione che, come si può leggere nei commenti al post in cui annuncia il tutto, sta destando forti preoccupazioni tra gli attori italiani).

LEGGI ANCHE: Chi è Michele Carfora, l’ex marito di Barbara D’Urso?

In cosa consisteva il favore chiesto da Giuseppe Conte a una delle donne simbolo del cinema italiano? Nel mangiare un piatto di spaghetti. L’attrice 87enne ha asserito di averlo fatto, ma anche di aver deciso di riprendere lo sciopero della fame in quanto Conte aveva promesso una seconda chiamata, mai arrivata. A queste parole, Barbara D’Urso le ha chiesto di cessare questa iniziativa. La Milo ha risposto in maniera affermativa, specificando che lo farà per lei.

LEGGI ANCHE: Open Arms, Italia Viva salva Matteo Salvini.