Sangria: la ricetta tradizionale spagnola

Con l’arrivo dell’estate si cerca sempre un modo per dissetarsi e rinfrescarsi: ecco uno dei migliori.

sangria

La sangria nasce in Spagna ed è una delle bevande più fresche e dissetanti che esistano. Il suo gusto unico, poi, la rende davvero irresistibile. La cannella e i chiodi di garofano fanno sì che il suo aroma sia inconfondibile. È perfetta per un aperitivo al mare o per festeggiare un lieto evento.

Il segreto? La frutta non deve essere troppo matura, ma nemmeno acerba: così potremo tagliarla a cubetti e fettine senza che si sfaldi. Una volta pronta, va servita in bicchieri capienti, disponendo prima la parte solida e poi quella liquida. Ecco gli ingredienti per due litri e mezzo circa:

  • Un litro e mezzo di vino rosso corposo (Bonarda non frizzante, Cannonau sardo o Salice Salentino);
  • 750 ml di gassosa;
  • Due limoni;
  • Due arance;
  • 50 ml di cognac (facoltativo);
  • Due pesche gialle;
  • Due mele;
  • 80 g di zucchero;
  • Una stecca di cannella;
  • Un baccello di vaniglia;
  • Tre chiodi di garofano;

Per una sangria a regola d’arte la frutta dovrebbe essere biologica e non trattata. Cominciamo subito spremendo un limone e un’arancia, tenendo il succo da parte. Gli altri due frutti rimasti tagliamoli una metà a fette e l’altra a fettine (senza togliere la buccia).

sangria

LEGGI ANCHE: Sbriciolata al limone: dessert leggero e profumato, la ricetta

Stessa cosa vale per le pesche e le mele, che vanno tagliate a cubetti e disposte in una terrina con gli agrumi tagliati. Cospargiamo il tutto con lo zucchero e il succo di agrumi precedentemente filtrato. A questo punto uniamo il vino rosso e mescoliamo per bene.

Successivamente aggiungiamo la cannella, la vaniglia e i chiodi di garofano. Per ultimo, se vogliamo, incorporiamo anche il cognac e copriamo il contenitore con uno strato di pellicola trasparente.

Va lasciata raffreddare in frigorifero per qualche ora, meglio ancora se per tutta la notte. Trascorso il tempo, togliamo la bacca di vaniglia e le altre spezie e aggiungiamo la gassosa. Va riposta di nuovo in frigo perché si freddi nuovamente.