Sanremo 2020, Niente Resilienza (74) di Rita Pavone: il testo

La partecipante più anziana ma anche con più esperienza del Festival di Amadeus.

Rita Pavone

È la partecipante più anziana a partecipare al Festival con i suoi quasi 74 anni. È un simbolo vivente della musica italiana. Gli italiani sono cresciuti con lei, che ha occupato il mondo della musica sin da quando aveva 16 anni. Prima con lo sceneggiato Il giornalino di Gian Burrasca, poi con numerose hit tormentone da centinaia di migliaia d copie vendute: La partita di pallone, Datemi un martello, Il ballo del mattone. Ha avuto anche un ampio successo all’estero.

Dopo il suo boom tra gli anni Sessanta e Settanta, Rita Pavone ha vissuto un periodo di declino ma non si è mai fermata musicalmente. Attivissima su Twitter, è entrata al Festival con le polemiche per essere considerata una ‘sovranista’. Il brano Niente (Resilienza 74) è stato scritto dal figlio di Rita e parla del desiderio di non farsi travolgere dalla società, di un orgoglio ferito ma non distrutto.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2020, il dramma di Rita Pavone: “Ho rischiato di morire”.

Niente (Resilienza 74), il testo

Niente, qui non succede proprio niente

E intanto il tempo passa e se ne va

Meglio cadere sopra un’isola o un reality che qualche stronzo voterà

Niente, adesso non ricordo niente

Fammi sentire che sapore ha

E la mia testa sul cuscino certe notti vuoi sapere quanto male fa

Male fa, male fa (and I like it, I like it)

Male fa, male fa (yes I like it, I like it)

Non hai mai saputo spezzarmi, travolgermi

Resto qui nel fitto di un bosco

E il tuo vento non mi piegherà

Qui non succede proprio niente

Pensavo

Che ad ogni seme piantato corrispondesse un frutto

Dopo ogni fiato spezzato ricominciasse tutto

Che la parola di un uomo valesse oro e invece

Trova un amico ma non toccargli il tesoro

Niente, non ci ho capito proprio niente

Ma anche l’orgoglio si rimargina

Picchia più forte, non lo vedi che sto in piedi

Non ti accorgi che non servirà

Non hai mai saputo spezzarmi, travolgermi

Resto qui nel fitto di un bosco

E il tuo vento non mi piegherà

I love you, I love you, I love you, I love you, I love you

I love you.

Non hai mai saputo spezzarmi, travolgermi

Resto qui nel fitto di un bosco

E il tuo vento non mi piegherà

Mai più

Il vento non mi piegherà mai più

Il vento non mi piegherà

Qui non succede proprio niente