Sanremo 2020, Rula Jebreal sarà sul palco dell’Ariston: di cosa parlerà?

La decisione presa durante un incontro tra amministratore delegato e direttore della Rai e Amadeus.

Rula c’è, Rula c’è, Rula c’è. Verrebbe da gridare come Guido Meda tutte le volte che vince Valentino Rossi. E Rula ha vinto Sanremo. Manco, lasciatecelo dire, fosse il ritorno di Mina.

Rula Jebreal affiancherà Amadeus in una delle cinque serate del Festival. La decisione, dopo le intense polemiche dei giorni scorsi, è stata presa durante un incontro tra l’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini, il direttore di Rai, Teresa De Santis, e il direttore artistico e conduttore del festival, Amadeus.

Pertanto, la giornalista scrittrice e palestinese (con cittadinanza italiana e israeliana) parlerà della violenza sulle donne in un momento di riflessione sul palco sanremese. Tra l’altro, si tratta di un argomento delicato perché la madre di Rula si è tolta la vita quando aveva cinque anni, come conseguenza di violenze e abusi subiti.

In un comunicato diffuso dalla Rai si legge che «è stato confermato il cast di ospiti proposto dal Direttore Artistico Amadeus che sarà presentato nel corso della conferenza stampa del prossimo 14 gennaio».

Così si spera che si chiuderanno le polemiche sulla giornalista di origine libanese che un certo tipo di pubblico non ama. C’è chi, infatti, nella Jebreal vede una sorta di ‘antipatica saccente’ e chi la critica per il colore della pelle.

Tante sono le polemiche che si sono susseguite nelle ultime ore su ciò di cui avrebbe dovuto parlare nel corso del festival. C’è chi ha temuto per dichiarazioni politiche, mentre l’approccio della Rai era che la giornalista parlasse solo contro la violenza sulle donne.

LEGGI ANCHE: Festival di Sanremo 2020: i concorrenti.

IL COMMENTO DI GIANCARLO MAGALLI

Su quanto successo merita di essere menzionato il commento di Giancarlo Magalli a Un Giorno da Pecora, la trasmissione di Rai Radio 1 condotta da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro: «Cosa ne penso del ‘caso’ Rula Jebreal a Sanremo? Non credo che canti così bene da invitarla…».

Il conduttore ha detto la sua sul fatto che con la Jebreal potrebbe esserci anche Michelle Obama. «Magari, è una donna bella e intelligente. ll problema è chi parla dopo Michelle Obama, se poi arriva una di queste squinzie…». Tuttavia, «sarebbe una bella accoppiata» se la moglie dell’ex presidente degli Stati Uniti d’America fosse affiancasta alla Jebreal.

Ma quali sarebbero le squinzie? «A volte diciamo che ci sono donne che curano più l’esterno che l’interno. Se le metti vicino a Michelle Obama ne amplifichi la differenza».

LEGGI ANCHE: Giorgia Meloni tra le 20 persone che possono cambiare il mondo.