Sanremo 2020, standing ovation per Frizzi: “Sempre nei nostri cuori”

Al Festival il ricordo toccante del conduttore scomparso.

Momento toccante al Festival di Sanremo quando Amadeus ha ricordato il collega e amico Fabrizio Frizzi che oggi, mercoledì 5 febbraio, avrebbe compiuto 62 anni.

Il direttore artistico del Festival ha detto: «Sono convinto che se Fabrizio fosse ancora vivo, questo 70esimo Festival di Sanremo l’avrebbe condotto lui». Dopodiché la standing ovation dell’Ariston.

Amadeus ha poi chiamato sul palco la vedova di Frizzi, Carlotta Mantovani, ringraziandola per essere presente: «Volevo solo che sapessi che Fabrizio è sempre nei nostri cuori», ha detto il conduttore.

Poi c’è stato un momento molto divertente con Fiorello: «Questa sera ci sarà una cosa che aspetto da quando avevo dieci anni: la reunion dei Ricchi e Poveri. E spero che mi diano la possibilità di duettare con loro: Ricchi e Poveri, mi metto i mezzo faccio il reddito di cittadinanza».

«Ti devo fare i complimenti, 52%, vai con il Pd che hanno bisogno – ha aggiunto lo showman siciliano rivolgendosi all’amico – Ti ho guardato ieri, sei migliorato, ma Rula, Diletta, le prendevi per mano: è manismo, non si fa più. Poco fa quando ho ricevuto i fiori mi è piaciuto: parità, fiori anche ai maschi, altrimenti c’è fiorismo, perché alle femmine sì e ai maschi no?».

Fiorello, infine, con una bottiglietta d’acqua, ha detto: «Questo è plastichismo, ora protesteranno il mare, i pesci, le sardine e tutto il resto», suscitando molti sorrisi nella platea dell’Ariston.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2020, standing ovation per Rita Pavone.