Sanremo 2020: uno spettatore colto da infarto in galleria

Nel corso della serata del 5 febbraio, un 42enne in galleria è stato colto da infarto.

In attesa della terza serata di Sanremo 2020 – le prime due hanno ottenuto ascolti record – tra i fatti di cui si sta parlando di più c’è senza dubbio la disavventura che ha colto uno spettatore in galleria la sera del 5 febbraio

All’Ariston, per qualche istante, ha infatti regnato la paura. Un uomo di 42 anni si è infatti sentito male ed è stato colto da infarto. Ad accorgersi della situazione sono stati innanzitutto i vicini di poltrona che, comprensibilmente spaventati, hanno subito allertato i soccorsi presenti in sala.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2020, standing ovation per Frizzi: “Sempre nei nostri cuori”

Quando è successo il tutto?

Il tutto è accaduto attorno all’1 di notte, nel lasso di tempo compreso tra l’esibizione di Tiziano Ferro e l’arrivo sul palco del contestatissimo rapper Junior Cally. L’uomo, che come già detto stava guardando la kermesse da un posto in galleria, si è sentito male all’improvviso.

I dettagli della vicenda sono stati raccontati alla testata Leggo da uno spettatore che era presente in sala. La fonte ha sottolineato che, poco prima che Amadeus annunciasse l’esibizione di Junior Cally, il 42enne ha accusato il malore.

Come già detto, in virtù dell’imponenza che caratterizza la macchina Sanremo (un evento dove è opportuno prendere tutte le misure di sicurezza possibili), in sala erano presenti operatori del 118 che hanno prestato al paziente le operazioni di primo soccorso.

L’uomo è stato successivamente stabilizzato e successivamente caricato in ambulanza. L’infartuato è stato infine portato presso l’ospedale di Sanremo, dove i sanitari hanno provveduto a formalizzare il ricovero in codice rosso.

In tutto questo, chi seguiva lo show da casa – la seconda serata del Festival ha ottenuto il 53,3% di share – non ha in alcun modo notato la situazione. La diretta è infatti andata avanti senza intoppi e solo le persone presenti in sala hanno avuto modo di accorgersi della situazione difficile che stava accadendo e dell’efficienza del personale del 118 che, in pochissimo tempo, ha portato l’uomo in infermeria, dove gli è stato praticato un elettrocardiogramma.