Le Sardine contro Matteo Renzi: “È la sconfitta del centrosinistra”

Le parole di Lorenzo Donnoli ad Agorà contro l’ex premier.

Finita la luna di miele tra le Sardine e almeno uno due principali partiti del centrosinistra: Italia Viva.

Davide Faraone, ex ministro e oggi capogruppo al Senato del partito fondato da Matteo Renzi, ha scritto su Facebook: «Oggi, uno dei capi e volto tv delle Sardine, ad Agorà ha affermato che Renzi rappresenta la sconfitta del centro-sinistra, a partire dalla questione dei diritti civili. Cara sardina, molte cose ci possono essere imputate, ma una la rivendicheremo sempre con orgoglio: quella di aver lasciato un’Italia più civile di quella che abbiamo trovato prima del Governo dei 1000 giorni: unioni civili, legge contro il caporalato, divorzio breve, legge sul dopo di noi, legge sull’autismo e testamento biologico. Questi sono fatti. Gli slogan lasciamoli alla destra chiacchierona e inconcludente».

LEGGI ANCHE: Cos’ha detto la cinese al Papa prima dello schiaffetto?

Foto Roberto Monaldo / LaPresse

LE PAROLE DI LORENZO DONNOLI AD AGORÀ

Il riferimento è alle parole pronunciate da Lorenzo Donnoli, portavoce nazionale del movimento delle Sardine, parlando alla trasmissione di Raitre sull’azione politica dell’ex premier Toscano: «Renzi rappresenta la sconfitta del centrosinistra, cioè la sconfitta a livello politico, di comunicazione».

Donnoli ha anche lievemente criticato il segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti: «Deve trovare il coraggio. Ha parlato già da tempo del cambio del nome, cambio della struttura, cambio della classe dirigente, ecc, apertura alla società civile. Io tutto questo all’oggi non la ho ancora vista. Quindi sono contento che ci sia l’intento, è l’unico partito che si è messo in discussione grazie alle nostre piazze per ora».

Donnoli, poi, ha lodato Mara Carfagna: «La stimo. Ovvio sull’economia abbiamo idee diversissime. Pero’ devo dire che ha un atteggiamento istituzionale molto giusto».

Infine, le Sardine hanno annunciato alcune prossime tappe qua e là per l’Italia. In Toscana, ad esempio, saranno nel mese di febbraio a Firenze, Grosseto e Pisa.

LEGGI ANCHE: Celibato dei sacerdoti, papa Ratzinger: “Non posso tacere”.