Sassate contro alcune uova di cigno: muoiono tutti i pulcini sul Lago di Garda

Un atto vigliacco e privo di senso a Brenzone.

uova di cigno

Che l’uomo sia capace di grandi gesti lo sappiamo, purtroppo però siamo altrettanto consapevoli di quanto possa essere cattivo, vigliacco e meschino senza alcuna ragione. Solo così possono essere spiegate le sassate contro alcune uova di cigno che hanno portato al decesso di tutti i piccoli.

A denunciare l’accaduto è stata l’ex presidente della Pro Loco, Lorena Pinamonte: «È accaduto che nei giorni scorsi, una persona non identificata, giorno dopo giorno, abbia preso a sassate la cigna e le uova, che di volta in volta sono state tutte rotte, arrivando alla macabra fine».

uova di cigno prese a sassate messaggio

LEGGI ANCHE: Il cane della compagna lo morde e lui gli dà fuoco: arrestato

E ancora: «Oggi sarebbe stato il 42esimo giorno di cova. Ora, la colpa non è da imputare alla ruspetta che ieri sistemava la spiaggia (l’ultimo uovo era già rotto prima del suo arrivo), non è da imputare al Sindaco (40 giorni fa circa gli chiesi di far portare delle transenne, ritenute da lui inutili dato il lockdown)».

«Non è da imputare a una presunta volpe perché più di tre persone hanno visto un soggetto non identificato gironzolare attorno al nido con i sassi dentro i pugni chiusi dietro la schiena, e una lo ha pure visto compiere il gesto»: continua Lorena Pinamonte.

«Purtroppo non ci sono foto o video che possano dare prove e senza prove si può solo denunciare ignoti. Ma una cosa è certa, se mai arrivasse la nostra estinzione (e ci stiamo andando vicini) ce la saremmo meritata tutta»: conclude lapidaria, come lo sono state le sassate contro alcune uova di cigno.

Non ci sono dubbi sul fatto che l’autore sia un uomo, l’essere – in teoria – geneticamente più sviluppato della catena alimentare. Ma, quando si macchia di certe atrocità, non può essere definito che l’ultimo sulla faccia della Terra, un pianeta che stiamo distruggendo immotivatamente.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il Sars-CoV-2 ha aumentato l’aggressività dei ratti.