Scontro tra Matteo Salvini e ministro del Lussemburgo sugli immigrati

Salvini-Asselborn

Scontro in Austria tra il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e il ministro degli Esteri del Lussemburgo, Jean Asselborn.

La lite è avvenuta durante la Conferenza sulle migrazioni a cui hanno partecipato i ministri dell’Unione Europea competenti in materia.

La discussione è partita da una dichiarazione di Asselborn sull’importanza dell’immigrazione per contrastare l’invecchiamento della popolazione in Europa.

Salvini, però, ha replicato così: “Sentivo qualche collega prima di me dire che abbiamo bisogno di immigrazione perché la popolazione europea invecchia, io ho una prospettiva completamente diversa. Io penso di essere al governo e di essere pagato dai miei cittadini per vedere i giovani tornare a fare quei figli che facevano qualche anno fa, e non per espiantare il meglio dei giovani africani e rimpiazzare europei che per motivi economici non fanno più figli“.

Il leghista ha anche aggiunto che “sono due visioni completamente diverse. Magari in Lussemburgo hanno questa esigenza, in Italia abbiamo l’esigenza di fare figli non di avere nuovi schiavi per soppiantare i figli che non facciamo più“.

Parole, però, disturbate dal ministro lussemburghese che prima ha fatto il verso a Salvini, poi ha detto questo: “In Lussemburgo, caro signore, avevamo migliaia di italiani che sono venuti a lavorare da noi, dei migranti, affinché voi in Italia poteste avere i soldi per i vostri figli”, non senza terminare con “merde, alors” che non ha bisogno di traduzione, vero?

Il video dello scontro è stato pubblicato su Facebook dallo stesso Salvini: