Scontro tra il M5S – PD, la strada per il governo ‘giallorosso’ è sempre più ripida

Il PD non vuole Conte premier e accusa Di Maio di ambizioni personali.

È scontro tra il MoVimento 5 Stelle e il Partito Democratico: l’annunciato vertice di stamattina, organizzato per le 11, è stato annullato.

Una nota dei Pentastellati ha affermato: “Rivedremo il PD quando nei loro organi di partito avranno dato l’ok all’incarico a Conte. Nessun altro incontro, fino a quando non avranno chiarito ufficialmente la loro posizione su Conte“.

Per il M5S “in una fase così delicata per il Paese non c’è tempo da perdere. Nel PD hanno ancora le idee confuse“.

Dal canto suo, in una nota ufficiale, il Partito Democratico ha annunciato l’annullamento dell’incontro che era stato concordato alla fine del vertice della scorsa notte a Palazzo Chigi tra Luigi Di Maio, Nicola Zingaretti, Andrea Orlando e Giuseppe Conte.

Di conseguenza, è slittata a domani, alle 10, la riunione della direzione del PD che, invece, era stata annunciata per le 18 di stasera.

Fonti del Partito Democratico hanno affermato che “l’accordo di governo rischia di saltare per le ambizioni personali di Di Maio che vuole fare il vicepremier e il ministro dell’Interno. Su questo non sente ragioni e va avanti a colpi di ultimatum“.

Il M5S, però, ha smentito quanto ricostruito, sottolineando che prima vengono i contenuti.

Alle 16 di oggi, comunque, avrano inizio le consultazioni al Quirinale e domani il Capo dello Stato vorrà una risposta definitiva oppure scioglierà le Camere.

Leggi anche: Governo M5S – PD: nulla di fatto, restano molte divergenze.

Da SaluteLab: 4 consigli per prolungare gli effetti delle vacanze.