Scoperte ‘tracce’ di vita sul Pianeta Venere

La scoperta pubblicata sulla rivista Nature Astronomy

Un team di astronomi sostiene di avere rilevato nelle nuvole acide di Venere un gas chiamato fosfina che indica che i microbi potrebbero abitare in quel Pianeta.

I ricercatori non hanno scoperto forme di vita reali ma hanno notato che sulla Terra la fosfina è prodotta da batteri che prosperano in ambienti ‘affamati’ di ossigeno.

Il team scientifico internazionale ha individuato per la prima volta la fosfina utilizzando il James Clerk Maxwell Telescope alle Hawaii e ha confermato la scoperta utilizzando il radiotelescopio Atacama Large Millimeter / submillimeter Array (ALMA) in Cile.

«Sono rimasta molto sorpresa, anzi sbalordita» ha detto l’astronomo Jane Greaves dell’Università di Cardiff in Galles, autrice principale della ricerca pubblicata sulla rivista Nature Astronomy.

L’esistenza della vita extraterrestre è una delle questioni fondamentali della scienza. Gli astronomi hanno usato sonde e telescopi per cercare firme biologiche – segni indiretti di vita – su altri pianeti e lune del nostro sistema solare e oltre.

«Con quello che attualmente sappiamo di Venere, la spiegazione più plausibile per la fosfina, per quanto fantastica possa sembrare, è la vita», ha detto l’astrofisica molecolare del Massachusetts Institute of Technology e coautrice dello studio Clara Sousa-Silva.

«Dovrei sottolineare che la vita, come spiegazione per la nostra scoperta, dovrebbe essere, come sempre, l’ultima risorsa», ha aggiunto la studiosa, aggiungendo: «Questo è importante perché, se è fosfina, e se è vita, significa che non siamo soli. Significa anche che la vita stessa deve essere molto comune e ci devono essere molti altri pianeti abitati in tutta la nostra galassia».

La fosfina, un atomo di fosforo a cui sono attaccati tre atomi di idrogeno, è altamente tossica per le persone.

La dott.ssa Greaves ha detto che i ricercatori hanno esaminato potenziali fonti non biologiche come vulcanismo, meteoriti, fulmini e vari tipi di reazioni chimiche ma non hanno trovato la causa.

LEGGI ANCHE: Bimbo di 7 anni salva la vita alla sorella maggiore.