Scuole chiuse per il Coronavirus: possibile stop oltre il 15 marzo?

Il provvedimento, volto a tutelare la salute dei cittadini, sembra possa essere prolungato nel tempo.

Scuole chiuse
Scuole chiuse

Le scuole chiuse per il Coronavirus fino al 15 marzo, anzi no: forse di più. Le lezioni frontali al momento sono sospese per evitare il contagio. Le piattaforme online, tuttavia, sono un valido strumento per non fermare completamente la didattica.

Studenti in classe

LEGGI ANCHE: Coronavirus in Italia, i dati aggiornati: 49 morti e 109 guariti nelle ultime 24 ore

Tutto dipenderà dal corso che prenderà l’emergenza. Se, infatti, l’allerta non dovesse rientrare entro la data prestabilita, si andrà avanti con le misure preventive. Ed è quello che è già successo per quanto riguarda i viaggi di istruzione, vietati fino al 3 aprile.

Se anche la didattica dovesse fermarsi oltre la prossima settimana, il rientro potrebbe coincidere con le vacanze di Pasqua e la sospensione sarebbe decisamente troppo lunga. Gli istituti stanno pensando a come garantire il proseguimento dei programmi.

La Rai sta studiando nuovi palinsesti pensati per i ragazzi e si stanno riorganizzando le lezioni per recuperare il tempo perso. Ad oggi non si parla di una chiusura sino a giugno, una possibilità concreta invece è rappresentata dai rientri pomeridiani. In alternativa si sta valutando l’e-learning a distanza.

Da evitare i contatti, se non ad almeno un metro di distanza

LEGGI ANCHE: Coronavirus, le previsioni shock dagli Usa: “480mila morti e 96 milioni di contagiati”

Gli insegnanti, attraverso collegi virtuali, stanno preparando del materiale didattico e per le verifiche periodiche. A tal proposito, l’Invalsi ha comunicato che il calendario delle prove per gli studenti dell’ultimo anno di scuola superiore deve essere riformulato.

Le scuole chiuse per il Coronavirus avranno quindi la facoltà di cambiare le date precedentemente scelte per il test preliminare all’ammissione agli esami di maturità, indispensabile per la valutazione finale.

Ed è proprio la maturità che preoccupa di più in termini di preparazione. Se la chiusura dovesse prolungarsi e – nella peggiore delle ipotesi – dovesse saltare il calendario scolastico originario, si penserà a alcune misure straordinarie per permettere agli studenti di sostenere le prove per il diploma. Il passato si è mantenuta la sola prova orale.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la situazione del reparto di terapia intensiva di Cremona (VIDEO).