Scuote la tovaglia e il balcone cede: donna precipita e muore

È successo in Sardegna, nel villaggio della pineta di Narbolia.

donna precipita e muore

Una donna precipita e muore a causa di un cedimento della ringhiera del balcone. Stefania Piras, 42 anni, stava pulendo la tovaglia a cena conclusa, ma improvvisamente si è vista mancare la protezione antistante.

La caduta è stata inevitabile e purtroppo l’impatto con il suolo è stato letale. L’incidente domestico è avvenuto in Sardegna, in una delle villette a schiera del villaggio di Narbolia.
La dinamica della tragedia non è ancora del tutto chiara e gli inquirenti hanno aperto l’indagine di rito per casi come questo.

Sembrerebbe però che a cedere sia stato il parapetto del balcone, una struttura in legno dalla quale si è sporta per scuotere la tovaglia dopo cena. Una donna precipita e muore: una caduta di tre metri alla fine della quale il capo ha subito un colpo fatale. Nonostante siano stati subito allertati i soccorsi, gli operatori del 118 non hanno potuto fare altro che constatare la morta di Stefania Piras.

Stefania Piras
Stefania Piras

LEGGI ANCHE: Alex Zanardi, cosa hanno svelato le immagini dei video prima dell’incidente

Sul posto sono intervenuti i carabinieri per comprendere l’esatta dinamica della tragedia. Un dramma che forse si sarebbe potuto evitare con un controllo periodico della struttura e con la manutenzione necessaria. La villetta è stata sottoposta a sequestro.

Walter Ciancilla, testimone oculare di quanto accaduto, ha dichiarato: «Quando è arrivato mio fratello mi ha detto che una donna era appena caduta dal balcone e siamo andati subito a vedere. Intanto è arrivata l’ambulanza e abbiamo aiutato i barellieri a sistemare la signora che era caduta ed era in una pozza di sangue».

E ancora: «Da quello che abbiamo visto sembra che sia caduto il pezzo di legno che c’è nel balcone ed era marcio. Credo che la signora stesse scuotendo qualcosa, ma questo non lo so. Quando siamo arrivati noi era già in terra ed aveva perso molto sangue», ha concluso.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, scoperte mutazioni rapide.