Selvaggia Lucarelli su Bibbiano: “Caso di strumentalizzazione politica”

Ecco cosa ha scritto la famose blogger sulla vicenda di Bibbiano.

Sulla triste vicenda di Bibbiano è intervenuta anche Selvaggia Lucarelli. Ecco cosa la blogger ha scritto per ‘Il Fatto Quotidiano’.

Da qualunque parte la si guardi, Bibbiano è una storia di manipolazione della realtà. Culturale, giudiziaria, politica. La storia di bambini i cui ricordi vengono manipolati, di una politica che manipola, minimizza, enfatizza la realtà a seconda dell’utilizzo che desidera fare della vicenda. Da una parte i 5 stelle, Salvini e la destra compatta per cui il Pd è Erode e il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti la dimostrazione vivente che i comunisti forse non mangiano i bambini ma li danno in pasto a orchi che modificano ricordi, disegni, testimonianze e li strappano alle loro famiglie naturali. Ed è bizzarro, perché il caso dei diavoli della Bassa modenese emerso grazie alla recente inchiesta di Pablo Trincia che ha scoperchiato un sistema schizofrenico e fatale di commistioni tra psicologi, medici, sistema degli affidi e malagiustizia non aveva creato la stessa indignazione. Mancava però l’elemento più grave, quello che da solo avrebbe smosso hashtag, uffici stampa e coscienze: un sindaco del Pd coinvolto nella faccenda. La recente perla Di Maio, a tal proposito, va segnalata: «Io con il Pd, il partito di Bibbiano che toglieva i bambini alle famiglie con l’elettroshock per venderseli non voglio averci nulla a che fare”.

E in conclusione, una amara constatazione.

A destra si continua a parlare di bambini ‘che non si toccano’, a sinistra di ‘partito che non si tocca’. I pochi che si domandano perché quando si approfondiscono le storie più drammatiche di false accuse si ritrovano ignorati o usati dalla politica. I pochi che chiedono di non dare un colore politico alla questione e il nome ‘scienza’ a macchinette, che chiedono di non considerare Bibbiano un caso ma una delle tante metastasi di un sistema pernicioso che agisce indisturbato da decenni (al di là delle singole responsabilità da accertare), che chiedono di occuparsi dei bambini, dei partiti ma pure degli imputati che sono o sono stati vittime di metodologie discutibili e linee guida ad personam, sono in compagnia di Giovanardi. E sì, è preoccupante”.

Leggi anche: Gino Paoli contro Beppe Grillo: “Non ci crede più”.