Senatore leghista attacca Sanremo 2021: “Ossessivo gay pride”

Le parole di Simone Pillon contro la kermesse sanremese.

Simone Pillon, senatore della Lega, all’attacco del Festival di Sanremo 2021.

Il politico ha affermato: «Anche quest’anno il festival viene invaso da baci omosex, sermoni sulla bellezza della transizione sessuale, continuo ammiccamento Lgbt, divetti trash che si impiumano e bestemmiano la religione cristiana … Capirai che novità … Tutto già visto».

«Sogno un festival di Sanremo che sia momento di arte, di musica, di bellezza. Sono stanco di vedere il palco dell’Ariston trasformato in megafono per le follie gender. Perché il massimo evento musicale italiano deve diventare, anno dopo anno, una sorta di ossessivo gay pride? Lo so, abbiamo problemi molto più seri, ma quelli sono pur sempre soldi pubblici, e non possono essere usati per promuovere le false ideologie di parte. Chiedo troppo?», ha aggiunto.

Infine, la quarta serata del Festival di Sanremo 2021 ha raccolto su Rai1 11 milioni 115 mila telespettatori pari al 43.3% nella prima parte e 4 milioni 980 mila nella seconda con il 48.2%. Migliorano gli ascolti rispetto alla serata cover, che aveva avuto 10 milioni 596 mila pari al 42.4% di share nella prima parte e 4 milioni 369 mila con il 50.6% nella seconda. L’anno scorso la quarta serata del festival aveva ottenuto 12 milioni 674 mila telespettatori con il 52.3% di share nella prima parte e 5 milioni 795 mila con il 56% nella seconda.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2021, la scaletta della finale, cosa vedremo in TV.