Sepolta viva? Terribile ipotesi sulla morte di una donna

Una morte terribile, un incubo che nessuno vorrebbe mai vivere: essere seppellito vivo. È stato quanto accaduto ad una donna brasiliana poche settimane fa.

Lei era Rosangela Almeida dos Santos, 37enne di Riachao das Neves, nel nord-est del Brasile.

Lo scorso 28 gennaio la donna è morta nell’ospedale di Bahia dopo due arresti cardiaci. Il giorno dopo è stata seppellita.

Ma forse era ancora viva. Testimoni, infatti, hanno riferito di aver sentito per diverso tempo dopo la sua sepoltura delle urla e rumori provenire dalla sua tomba. Il 9 febbraio (11 giorni dopo la tumulazione) hanno avvertito i familiari che hanno immediatamente predisposto la riesumazione della 37enne.

Quello che hanno trovato aprendo la bara è stato a dir poco inquietante. Rosangela era morta, ma c’erano segni che fanno presupporre che avesse tentato di uscire dalla tomba: ferite sulle mani e sulla fronte, sangue all’interno del sepolcro, i chiodi del coperchio erano stati spinti verso l’alto e il corpo della donna era girato.

La polizia ha aperto una indagine, mentre dall’ospedale hanno fatto sapere che verranno fornite “tutte le informazioni necessarie richieste dalla famiglia e dalle autorità“.

IL VIDEO: