Serie A 2019/20: Inter anti-Juve per i bookmakers

Napoli già scalzato, ma il meglio deve ancora venire.

La Serie A ha appena chiuso i battenti, emettendo i propri verdetti. Alcuni attesi da tempo, come l’ottavo titolo di fila della Juventus, altri che sembravano certi ed invece hanno atteso gli ultimi minuti del campionato per venir scritti: l’Inter si prende quasi allo scadere l’ultimo posto utile per andare in Champions, ai danni proprio dei cugini milanisti. Con loro, nella coppa dalle grandi orecchie, ecco il Napoli di Ancelotti secondo ma soprattutto la sorpresa dell’anno: la magica Atalanta di Gasperini.

Nonostante i nerazzurri abbiano centrato la qualificazione a 10 minuti dalla fine contro l’Empoli a San Siro, le quote scommesse sulla prossima stagione della Serie A la danno già come anti Juve designata, sopravanzando un Napoli finito piuttosto lontano in classifica. Pagata cinque volte la posta, contro i partenopei dati a sei: lontane anni luce tutte le altre. È chiaro come la Juventus sia nettamente favorita anche l’anno prossimo, così come è palese capire il motivo per cui l’Inter goda di tanta fiducia: ha un nome e cognome, Antonio Conte.

L’arrivo del tecnico leccese nella Milano nerazzurra crea aspettative, come da lui stesso ammesso, ma non solo lui può ovviamente bastare a fare dell’Inter la maggiore accreditata a contendere il titolo ai bianconeri. Si parla di nomi grossi, colpi importanti emersi dall’ultimo summit di mercato: da Barella, dato per fatto a Dzeko, allo stesso modo vicino alla chiusura. Soprattutto, si parla di Lukaku: il colosso belga è in grado di spostare gli equilibri, ha appena ammesso ai microfoni di volere una nuova sfida, di apprezzare Conte e voler giocare in Italia: se non è un’autocandidatura poco ci manca.

Il Napoli viaggia a fari spenti, sognando il colpo James e puntellando una rosa che ha bisogno di rinforzi principalmente sugli esterni: già preso Di Lorenzo, ci si attende un colpo importante a sinistra e magari in attacco, se si decidesse di fare il definitivo salto di qualità. La Juventus invece non ha ancora un tecnico, ogni giorno sembra quello di Sarri e puntualmente si viene smentiti: che la società stia tramando qualcosa di segreto ed inaspettato?

La Roma ha recentemente annunciato in modo ufficiale il suo nuovo tecnico, quel Fonseca capace di portare al successo in Ucraina lo Shakthar e di ben figurare in Europa, battendo tra le altre il City e raccogliendo la stima di Guardiola che definì quella squadra “una delle migliori mai affrontate”. La Lazio ha confermato Inzaghi ma potrebbe perdere, stavolta per davvero, Milinkovic Savic: il grande colpo di Lotito è però l’aver mantenuto al suo posto Tare, corteggiato dal Milan.

E veniamo infine al Milan, il maggiore dei rebus. Sarà di Gianpaolo, come emerge dalle ultime indiscrezioni raccolte da Calciomercato.com, con un ds da annunciare e un mercato da capire, anche in base alle sanzioni dell’Uefa. È stato preso Krunic, ma molto accadrà, anche in ottica partenze: un big, almeno, sarà sacrificato. La ruota ha cominciato a girare, in attesa che si fermi sul nome designato: Donnarumma, Romagnoli, Suso o Kessié gli unici adatti ad una plusvalenza necessaria.