Shock al centro di accoglienza: cane arrostito e mangiato da un nigeriano

Scoperta shock al Centro di accoglienza per migranti di Briatico, a Vibo Valentia, in Calabria.

Dopo la segnalazione da parte di una volontaria di un’associazione animalista, i Carabinieri hanno assistito a una macabra scena: un 29enne nigeriano stava arrostendo un cane, dopo averlo scuoiato e sezionato.

La storia è stata riportata dal Quotidiano del Sud, dove si legge che il giovane, interrogato dai militari, ha negato di avere ucciso volontariamente l’animale ma ha raccontato di averlo trovato morto ai bordi della strada. Quindi, ha deciso di prendere la carcassa dell’animale e di scottarlo alla brace, come si usa fare in Nigeria.

Chi ha segnalato il giovane è stata una dipendente del centro di accoglienza di Briatico e sul posto, oltre ai Carabinieri, si è recato anche un veterinario dell’ASP.

Il nigeriano, iniziali E.M., ha affermato di non sapere che in Italia è vietato mangiare i cani